Caritas Parrocchiale

“Tutto e ogni cosa la Chiesa è e fa per essere segno, sacramento di Cristo, luce del mondo. E’ una Chiesa per il mondo, per il suo vero bene, per la vita dignitosa di tutti. Spezza il pane della verità e della carità per saziare la fame più profonda di ogni persona. E’ certa che il pane della Parola di Dio ed il pane della Carità, come il pane dell’Eucaristia, non sono pani diversi: sono la persona stessa di Gesù che si dona agli uomini e coinvolge i discepoli nel suo atto di amore.” (cfr. “Ho un popolo numeroso in questa città” – n. 66)

Animatori
Responsabile incaricata dal parroco è Adriana Mangia ( e a cui fare riferimento).
La Caritas parrocchiale di Traversetolo è nata alla fine degli anni novanta ed è sempre andata via via strutturandosi e aumentando il numero dei volontari (all’oggi una ventina), ma anche dei poveri. La sede, di fronte alla chiesa parrocchiale, gode di larghi spazi ben utilizzati per le varie attività: ascolto, accoglienza, riunioni, locali per la raccolta e distribuzione di indumenti, di alimenti (con frigoriferi e congelatori), di prodotti igienici, cancelleria e giochi.

Obiettivi perseguiti
Attenzione alle situazioni di disagio sociale: occhio attento sul territorio per evidenziare le povertà. – Non scostarsi mai dal Vangelo vivo (cfr. 39° convegno nazionale caritas) per far si che la Caritas non sia una semplice ONG, ma possa vedere Cristo nel volto dell’altro. Collaborare con le istanze religiose e pubbliche: i nostri sacerdoti,le religiose del paese, il Comune, assistenti sociali e associazioni umanitarie.

Attività
1. corso d italiano a stranieri a cura di insegnanti volontari.
2. iniziative a sostegno progetti missionari nei paesi poveri.
3. attenzione, tramite l’ascolto, alle diverse situazioni di bisogno.
4. incontri di formazione nei tempi forti liturgici e in Diocesi.
5. coinvolgimento giovani con un servizio in Caritas.
6. Incontri con i ragazzi del catechismo.
7. partecipazione mensile alla mensa del poveri in via Turchi.
8. Visita anziani casa di riposo locale.
9. Animazione festa del Patrono San Martino con la consegna del pane ai fedeli e agli ammalati e anziani nelle loro case.
10. Preparazione Via Crucis del Venerdi Santo, per le vie del paese, con la collaborazione delle associazioni, gruppi parrocchiali, ragazzi gruppo sposi.
11. raccolta e distribuzione indumenti, pacchi alimentari (una trentina di famiglie seguite), dopo attenta valutazione pagamento bollette, e affitti agevolati nei quattro appartamenti della parrocchia (posti sopra i locali caritas).

Categorie in difficoltà.
Le persone che si rivolgono a noi sono soprattutto stranieri (centro e nord Africa, paesi dell’est e sud America) Gli italiani, sempre in numero crescente, sono famiglie monogenitoriali, anziani e persone sole che cercano un contatto relazionale e di ascolto piuttosto che un aiuto materiale. Anche negli stranieri, soprattutto ragazzi e giovani, si osserva il bisogno e la difficoltà di integrarsi e a relazionarsi con i loro coetanei italiani.

La sede della Caritas è in via San Martino di fronte alla chiesa.


Raccolta indumenti
Gli orari della raccolta e distribuzione indumenti variano ogni mese. Saranno affissi di volta in volta, presso la sede in Via San Martino.

Donazioni
Puoi fare una donazione sul conto corrente presso la filiale di Traversetolo della Banca Popolare dell'Emilia Romagna
Codice IBAN: IT93Y0538765990000002116843.
La tua offerta sarà utilizzata totalmente per l'acquisto di blocchetti di buoni spesa da 20 euro ciascuno, spendibili presso un supermercato del nostro paese.
Si può avere anche un beneficio fiscale con regolare ricevuta di versamento.

Centro di ascolto
Gli orari variano ogni mese. Ti inviatiamo a prendere visione presso la sede Caritas in via San Martino

Spesa alimentare
Porta la tua spesa per le famiglie indigenti: contattaci attraverso il Carrello Solidale carrellosolidale@libero.it

Preparazione e distribuzione pacchi alimentari: ultima settimana del mese.

Grazie per la vostra generosità!

“La comunità cristiana, convocata ed educata dalla Parola e dall’Eucaristia, è chiamata ad esprimere nella vita ciò che ha ascoltato e celebrato, in un’osmosi sempre più profonda fra Parola, Sacramento e Testimonianza. Se la comunità ecclesiale è stata realmente raggiunta e convertita dalla Parola del Vangelo, se il mistero della carità è celebrato con gioia e armonia nella liturgia, l’annuncio e la celebrazione del mistero di Cristo non può continuare che nelle tante opere di carità testimoniate con la vita ed il servizio.” (cfr. “Ho un popolo numeroso in questa città” – n. 66)

“La comunità cristiana ha in filigrana il volto di Gesù di Nazareth: il Signore ha radunato la sua Chiesa e con il suo Spirito l’ha creativamente dotata di doni diversi; Dal Padre suo è stato posto come pietra angolare e capo del corpo, per radunare un popolo consacrato al suo nome, che celebri le sue lodi. E’ la serva divenuta sposa; è comunione che si apre a tutti come casa che non ha porte. (cfr. “Ho un popolo numeroso in questa città” – n. 22)

Don Simonazzi, un sacerdote all’avanguardia

Close

Non è certo questo il luogo dove ricostruire la lunga storia dell’Istruzione a Traversetolo; ma possiamo dire che, nonostante le leggi emanate dal Regno d’Italia, ancora agli inizi del Novecento, e per molti anni a seguire, l’organizzazione dell’istruzione elementare, 1a, 2a e 3a per i maschi, 1a e 2a per le femmine, era ancora del tutto dipendente dai singoli Comuni, dai quali doveva provenire anche la volontà di aprire uno speciale corso facoltativo...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

LA FERITA CHE CURA
24 settembre, venerdì, ore 20.30 Leggi

LA FERITA CHE CURA
24 settembre, venerdì, ore 20.30 Leggi

Caritas: aperture di Settembre
22, 23 e 24 settembre Leggi

HOPE SCHOOL
25 settembre, sabato, dalle ore 09.00 Leggi

TESTIMONIANZA E CONCERTO DEI GEN VERDE
01 e 02 ottobre Leggi