L'ora di Religione a scuola

Identità e obiettivi educativi
(A cura dell'Ufficio Scuola della Diocesi di Parma)

Identità
L’Insegnamento della Religione Cattolica è materia scolastica curricolare nella quale si svolge un'attività di tipo culturale. Non suppone, né mira all'adesione di fede, quanto ad offrire gli strumenti per comprendere il significato del Cristianesimo e delle altre Religioni. E' aperto a tutti gli studenti nel rispetto delle loro convinzioni personali e a favore del loro proficuo confronto.

Obiettivi
1. Mostrare il valore della cultura religiosa, analizzando: - la spiritualità dell’essere umano; - le diverse religioni ed i loro linguaggi: testi, riti, luoghi, valori etici.
2. Introdurre alla conoscenza del Cristianesimo e della sua particolare influenza sul patrimonio storico-culturale italiano ed europeo.

Metodo
L’Insegnamento della Religione Cattolica cerca di favorire la crescita integrale degli alunni, promuovendo il loro spirito di ricerca e il dialogo in aula. Propone i propri contenuti a partire dalle loro domande di senso e dalle loro esperienze di vita.

Valore interculturale
L'IRC rappresenta un’importante occasione di conoscenza tra culture e religioni diverse ed educa all'accoglienza e al confronto tra persone e popoli.

Il significato e gli obiettivi dell'IRC sono sanciti dall'Accordo di revisione del Concordato tra Italia e Santa Sede del 1985: “La Repubblica Italiana riconoscendo il valore della cultura religiosa e tenendo conto che i principi del cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano, continuerà ad assicurare, nel quadro delle finalità della scuola, l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche non universitarie di ogni ordine e grado. Nel rispetto della libertà di coscienza e della responsabilità educativa dei genitori è garantito a ciascuno il diritto di scegliere di avvalersi o non avvalersi di tale insegnamento. All'atto dell'iscrizione, gli studenti o i loro genitori eserciteranno tale diritto su richiesta dell'autorità scolastica senza che la loro scelta possa dar luogo ad alcuna forma di discriminazione.” (art. 9.2)

Scarica il volantino in diverse lingue

Traversetolo 1924, 6 gennaio, Epifania di Nostro Signore Gesù Cristo.

Close

Omelia rivolta da don Varesi ai suoi Parrocchiani. “Non trovo miglior cosa, commentando l’odierna festività, che ricordare nella semplicità del Santo Testo, qui come in un ambiente familiare, il luminoso episo- dio dell’adorazione dei Magi. Dopo la nascita di Gesù, sempre al tempo di Erode Re, apparve in Oriente una stella che attirò l’ammirazione di uomini illustri e per scienza e per virtù e forse anche per...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Presentazione di Gesù al Tempio
02 febbraio, giovedì Leggi

Giornata del Malato
03 febbraio, venerdì Leggi

Festa della Ceriola
05 febbraio, domenica Leggi

Caritas - Carrello solidale: aperture di febbraio
6, 7, 8 febbraio Leggi