17. La memoria storica

Salmo 111
Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
tra gli uomini retti riuniti in assemblea.
[2] Grandi sono le opere del Signore:
le ricerchino coloro che le amano.

[3] Il suo agire è splendido e maestoso,
la sua giustizia rimane per sempre.
[4] Ha lasciato un ricordo delle sue meraviglie:
misericordioso e pietoso è il Signore.

[5] Egli dà il cibo a chi lo teme,
si ricorda sempre della sua alleanza
[6] Mostrò al suo popolo la potenza delle sue opere,
gli diede l'eredità delle genti.

[7] Le opere delle sue mani sono verità e diritto,
stabili sono tutti i suoi comandi,
[8] immutabili nei secoli, per sempre,
da eseguire con verità e rettitudine.

[9] Mandò a liberare il suo popolo,
stabilì la sua alleanza per sempre.
Santo e terribile è il suo nome.
[10] Principio della sapienza è il timore del Signore:
rende saggio chi ne esegue i precetti.
La lode del Signore rimane per sempre.

Dal libro del Deuteronomio (Dt 8,2-5.11)
[2] Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti e metterti alla prova, per sapere quello che avevi nel cuore, se tu avresti osservato o no i suoi comandi. [3] Egli dunque ti ha umiliato, ti ha fatto provare la fame, poi ti ha nutrito di manna, che tu non conoscevi e che i tuoi padri non avevano mai conosciuto, per farti capire che l'uomo non vive soltanto di pane, ma che l'uomo vive di quanto esce dalla bocca del Signore.[4] Il tuo mantello non ti si è logorato addosso e il tuo piede non si è gonfiato durante questi quarant'anni. [5] Riconosci dunque in cuor tuo che, come un uomo corregge il figlio, così il Signore, tuo Dio, corregge te. [11] Guàrdati bene dal dimenticare il Signore, tuo Dio.

Un detto antico recita: “uccidete i vecchi, e bruciate i libri”, e non avrete più le radici del vostro presente e per il vostro futuro. La memoria del cuore è uno dei doni più belli che il Signore ci ha fatto. Ci aiuta a non dimenticare da dove veniamo, e chi siamo oggi. Momenti, attimi in cui il cuore è stato toccato da qualcosa o da qualcuno. Chi ha memoria ha sempre una grande sensibilità; ricorda i dettagli di tempi che furono, non nostalgicamente per piangersi addosso, ma come sprone per il futuro. Custodiamo la memoria e coloro che la incarnano, i nostri anziani..

Dall’AL
193. La mancanza di memoria storica è un grave difetto della nostra società. E’ la mentalità immatura dell’“ormai è passato”. Conoscere e poter prendere posizione di fronte agli avvenimenti passati è l’unica possibilità di costruire un futuro che abbia senso. Non si può educare senza memoria: «Richiamate alla memoria quei primi giorni» (Eb 10,32). I racconti degli anziani fanno molto bene ai bambini e ai giovani, poiché li mettono in collegamento con la storia vissuta sia della famiglia sia del quartiere e del Paese. Una famiglia che non rispetta e non ha cura dei suoi nonni, che sono la sua memoria viva, è una famiglia disintegrata; invece una famiglia che ricorda è una famiglia che ha futuro. Pertanto, «in una civiltà in cui non c’è posto per gli anziani o sono scartati perché creano problemi, questa società porta con sé il virus della morte»,[ dal momento che «si strappa dalle proprie radici». Il fenomeno contemporaneo del sentirsi orfani, in termini di discontinuità, sradicamento e caduta delle certezze che danno forma alla vita, ci sfida a fare delle nostre famiglie un luogo in cui i bambini possano radicarsi nel terreno di una storia collettiva.

Per la riflessione
- Non c’è futuro senza memoria. Sono grato a coloro che mi hanno trasmesso la vita, mi hanno educato e dato ciò in cui hanno creduto e per cui hanno vissuto?
- Come tratto gli anziani? I nonni? Le persone adulte? Riconosco in loro un valore per la mia vita presente? Ringraziamo per i nonni che sono in vita e quelli che sono già in cielo

Preghiamo
Signore Gesù Cristo, che hai potere sulla vita e sulla morte, tu conosci ciò che è segreto e nascosto, i pensieri e i sentimenti non ti sono velati. Guarisci i miei raggiri e il male fatto nella mia vita. Ecco, la mia vita declina di giorno in giorno, ma i miei peccati crescono. Signore, Dio delle anime e dei corpi, tu conosci l'estrema fragilità della mia anima e del mio corpo, concedimi forza nella mia debolezza, sostienimi nella mia miseria. Dammi un animo grato: che mi ricordi sempre dei tuoi benefici, non ricordare i miei numerosi peccati, perdona tutti i miei tradimenti. Signore, non disdegnare questa preghiera, la preghiera di questo misero. Conservami la tua grazia fino alla fine, custodiscimi come per il passato.

San Michele Arcangelo in Sivizzano

Close

Le notizie attorno alla chiesa di Sivizzano sono scarsissime, tuttavia la sua dedicazione a San Michele, santo sovente ricordato nelle prime consacrazioni longobarde, indurrebbe a supporre un’epoca di origine molto antica. Della sua presenza però si viene a conoscenza solamente attraverso le decime del 1230. Nel Capitulum Decimarum, all’interno del pievato di san Martino di Traversetolo, si trascrive Capelle de Sivizzano. Stranamente, nel...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

SANTA LUCIA e BABBO NATALE
16 dicembre 2018, domenica, ore 15:00 Leggi

Agenda del Vescovo : Visita pastorale Fognano
16 dicembre 2018, domenica ore: Leggi

Appuntamenti diocesani : Tenda della Parola
16 dicembre 2018, domenica ore: 15:30 Leggi

Appuntamenti diocesani : Attendere come Maria, ascoltando!
16 dicembre 2018, domenica ore: 21:00 Leggi

Scuole Aperte 2018
17 dicembre, lunedì, dalle 09.00 alle 12.00 Leggi