Hakuna Matata

Attività estiva - parrocchia e istituto comprensivo di Traversetolo

Quest’anno la collaborazione tra l’Istituto Comprensivo di Traversetolo, rappresentato dal Dirigente Scolastico Mancastroppa Giordano e Don Giancarlo Reverberi, responsabile della Parrocchia di Traversetolo, ha consentito lo svolgimento del servizio di attività estive “Hakuna Matata”, per bambine e bambini, ragazzi e ragazze, dai 6 ai 13 anni, per il mese di giugno.

Le attività si svolgono dal 7 al 25 giugno: 3 diverse settimane di accoglienza, dalle 8 alle 16, dal lunedì a venerdì. Gli orari di ingresso (88,30) e di uscita (15,3016) sono organizzati in modo da limitare qualsiasi pericolo di assembramento.

La collaborazione è nata dall’intento di unire le forze per garantire la partecipazione al numero maggiore possibile di bambini e ragazzi, dando loro un’occasione di socializzazione, gioco e apprendimento in piena sicurezza e, alle famiglie, un buon servizio di supporto soprattutto per chi torna a lavorare avendo già speso ferie e permessi a causa delle chiusure legate alla pandemia.

 

 

 

 

 

 

Ma cosa significa Hakuna Matata?
“Senza pensieri la tua vita sarà, Hakuna Matataaaa!”. E’ la più famosa canzone del grande film della Disney “Il Re Leone”.

L’espressione deriva dallo swahili, una lingua bantu molto diffusa nelle regioni dell’Africa centrale, orientale e meridionale. Generalmente, in italiano viene tradotta con un semplice “senza pensieri“.

In realtà, Hakuna Matata rappresenta una vera e propria filosofia di vita, secondo cui bisognerebbe guardare con ottimismo e fiducia al domani, cercando di non dare eccessivo peso al passato e a tutto ciò su cui ormai non si può più intervenire.

Ed è stato proprio grazie al film Disney, che questa locuzione si è diffusa anche in occidente.

Timon e Pumbaa cantano infatti questa splendida canzone, per sollevare l’umore del piccolo e tenero Simba.

“Hakuna Matata, ma che dolce poesia. Hakuna Matata, tutta frenesia. Senza pensieri la tua vita sarà, chi vorrà vivrà, in libertà, Hakun Matata!“

Uno spassoso ed improbabile duo, che però con poche battute riesce a dare un’importante lezione di vita, non solo ai bambini.

Le attività si svolgono in diversi luoghi di Traversetolo e frazioni: Spazio Parrocchiale di Traversetolo, Scuola Primaria e Secondaria, Spazio Parrocchiale e Circolo Arci “La Fontana” di Bannone, Oasi di Cronovilla. Sono previste attività in esterno (piscina di San Polo, Escursioni in ambiente, monte Fuso e monte Caio, Riserva di Campotrera ...).

Le attività propongono esperienze con focus su sport, animazione, cultura, espressività artistica, ambiente, sempre in chiave ludica, col fine di promuovere la crescita individuale, lo sviluppo delle competenze motorie, della creatività, dell’autonomia, della capacità di socializzazione ed il divertimento. L’esperienza personale si inserisce nell’obiettivo collettivo di promuovere gli apprendimenti in modo non formale, di tutelare l’ambiente naturale in cui viviamo e promuovere stili di vita sani.

 

 

 

 

 

 

I partecipanti, circa 200 ragazzi, sono suddivisi, secondo l’età, in gruppi di 12.
Ogni gruppo ha un educatore/trice di riferimento affiancato/a da volontari. I giovani che hanno offerto la loro disponibilità e prestano servizio sono 52.
L’attenzione e il rispetto delle disposizioni anticontagio in vigore, sono costantemente mantenute.

Ai frequentanti vengono forniti quotidianamente mascherina chirurgica e gel.
Il successo di questa nuova iniziativa, che per la parrocchia sostituisce il consueto Grest estivo, lo si deve anche alla generosità e impegno di chi ha offerto il proprio aiuto.

Si ringraziano:

il Circolo Arci “La Fontana”, per l’ospitalità; la Protezione Civile della “Croce Azzurra” per i gazebo, il sig. Maiavacchi Giovanni per la sua grande disponibilità in ogni occasione di trasporto; l’Oasi Cronovilla per l’accoglienza; il Circolo Amici di Rivalta per l’ospitalità; la Farmacia Rizzoli per la fornitura dell’occorrente per pronto soccorso; l’Amministrazione Comunale per la disponibilità della Biblioteca e Don Antonio Ciceri per la disponibilità dell’oratorio di Bannone.

Per i loro contributi si ringraziano le ditte: “Pelacci Callisto”, Rosa dell’Angelo; Athena; Conad; Ceramiche Tiberini; Pelizziari s.r.l. macchine agricole e giardinaggio; Guarnieri, “Continental Semences”.

Per il loro generoso contributo ringraziamo inoltre le Signore dell’Oratorio Parrocchiale di Cucito.
Un ringraziamento sentito a chi ha prestato servizio per cucina e pulizie: le signore Carmela, Filomena, Elisa e Catia; e per chi ha effettuato i trasporti dei ragazzi: i signori Marcato Gianni e Lucidi Malvio.
Un grazie per tutti da don Giancarlo, specie per chi ha lavorato all’organizzazione e a tutti quelli che, scusandoci, non abbiamo ricordato.

Hakuna Matata”, “senza pensieri” è stato il titolo scelto per l’estate dei ragazzi, dai 6 ai 13 anni, che nel mese di giungo hanno partecipato alle attività ricreative frutto della collaborazione tra l’Istituto Comprensivo di Traversetolo, rappresentato dal Dirigente Scolastico Mancastroppa Giordano e don Giancarlo Reverberi, responsabile della Parrocchia di Traversetolo.
Un’esperienza nuova nata dall’intento di unire le forze per garantire la partecipazione al numero maggiore possibile di bambini e ragazzi, dando loro un’occasione di socializzazione, gioco e apprendimento in piena sicurezza e, alle famiglie, un buon servizio di supporto soprattutto per chi torna a lavo
rare avendo già speso ferie e permessi a causa delle chiusure legate alla pandemia.
Nello scorso Giornalino sono stati ringraziati tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del progetto sia economicamente che col proprio lavoro e disponibilità; ora, nel rinnovare i ringraziamenti, diamo spazio le testimonianze dei partecipanti.

Come responsabile della Nuova Parrocchia di Traversetolo desidero ribadire che questa esperienza che ha consentito la collaborazione tra scuola e parrocchia è stata veramente costruttiva: sia per l’impegno che i ragazzi più grandi “le matricole universitarie” si sono assunti nella preparazione individuale, come animatori, sia per la realizzazione dei programmi ludici e formativi da proporre ai partecipanti. Le parrocchie, Traversetolo e Bannone, hanno messo a disposizione tutti gli spazi possibili indispensabili all’accoglienza e, cosa fondamentale, non sono mancati i volontari per gli allestimenti. L’unione di tanti intenti dà sempre buoni risultati. Un personale ringraziamento al Dirigente Scolastico, prof. Mancastroppa per l’impegno nella collaborazione e per il personale scolastico coinvolto in quella che si è infine rivelata un vero successo di aggregazione e socializzazione nei giorni “senza pensieri” vissuti dai ragazzi.
Nell’auspicio di poter ripetere una così intensa e proficua attività porgo un ulteriore ringrazia mento a tutti.

Don Giancarlo

Grazie è la parola più semplice, ma più sentita, da esprimere alla fine di questo nuovo bel percorso, vissuto insieme....

Grazie a tutti gli animatori e le animatrici, giovani che hanno messo il proprio tempo gratuitamente al servizio del bene comune, alle educatrici, alle cuoche, al personale di pulizia, agli autisti, ai coordinatori della parrocchia, al personale di segreteria, al Circolo Arci di Bannone e a tutti e tutte coloro che hanno permesso la realizzazione di queste tre settimane di attività estiva.
Ognuno/a ha offerto il meglio di sé, e questo credo sia il valore più grande....
Godiamoci quindi insieme i sorrisi e l'allegria scambiati, dopo un anno e mezzo di grandi diffi coltà, e in un orizzonte non sempre sereno e di speranza....
Di nuovo, e di tutto cuore ....GRAZIE!!!!

Giordano Mancastroppa
Dirigente I.C. Traversetolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scalatori e scalatrici, cicliste provette, stilisti di successo, guerre d’acqua, tutto questo stato... Hakuna Matata! Le attività estive che si sono tenute nel mese di giugno sono state una vera avventura tra esperti giocatori da tavola, teatro improvvisato, arte estemporanea ed evocativa, artigianato, campeggio e balli di gruppo. Ci siamo messi in gioco nelle modalità più svariate che ci potessimo immaginare per sperimentare, crescere attraverso attività ricreative e aggregative dove il confronto e l’incontro sono stati gli strumenti migliori per conoscere e conoscersi, scoprire, creare ricordi, legami, amicizie e perché no fare nascere anche qualche amore! E con i cuori scaldati da questa bella esperienza non c’è niente di meglio che salutarsi con un rinfrescante gelato!

Giulia Decarli con i ragazzi di della Scuola Secondaria

Avete mai sentito parlare dello Spino? Sapete perché gli istrici “perdono” gli aculei? Oppure sareste in grado di riconoscere la cacca di lupo? Mai imbattuti nella “rara” libellula rossa?... e poi, quanti significati può avere il termine albicocca? Hakuna matata… se ve lo siete persi, avete tutto il tempo per recuperarlo!

Nonostante siano ormai trascorsi quasi 2 anni tra difficoltà varie, infinite regole, sacrifici, picco le e grandi rinunce e momenti tristi… ci siamo mai accorti veramente della bellezza che ci cir conda? A volte non occorre andare lontano, basta davvero poco per essere felici; chiedetelo ai bambini e ragazzi che hanno frequentato il centro estivo Hakuna matata in collaborazione con l’istituto comprensivo di Traversetolo.

Tra melmose battaglie di fango, interminabili partire a Dooble, sfide gravitazionali alla costru zione della torre più alta (attenzione ai Kapla… danno dipendenza), gare di corsa di lumache, concerti di body percussion, caccia alle stelle cadenti, letture e laboratori, gite, piscina, escur sioni, incontri e scontri emozionanti… sono letteralmente “volate” 3 settimane all’insegna del divertimento, amicizia e della spensieratezza.

Citando e parafrasando il libro “La bambina che amava la bellezza” di Emanuela Nava, “i bam bini amano guardare ogni cosa e quello che non c’è, lo immaginano…”; con il loro sguardo e la loro fantasia sanno rendere magico ogni momento, la bellezza del mondo infatti è custodita dentro le piccole cose… siano esse anche brevi e semplici attimi di spensieratezza. Ecco allo ra che la scuola e i suoi spazi si trasformano e diventano tana e rifugio non solo dalla calura estiva ma da lunghe e caleidoscopiche avventure: passeggiate nella giungla misteriosa, picnic in riva al lago, scalate a vulcanetti “sputafuoco”, docce fredde sotto le cascate, avvistamenti di fantasmi e coccole a leoni pelosi…
Insomma, per dirla con le parole dell’omonima canzone: Hakuna Matata / è tutta frenesia / senza pensieri la tua vita sarà / chi vorrà vivrà in libertà / Hakuna Matata.

Emanuela Conversi con i bambini della Scuola Primaria

Giugno 2021: tre settimane di campo estivo passate in un soffio e che, alla fine, nessuno di noi avrebbe voluto veder finire. C’era fame. Una fame concreta di sguardi, di amicizia, di ridere e anche di annoiarsi insieme.

Io sono stata con i ragazzi delle medie e li ho trovati meravigliosi. Tutti, proprio tutti, animatori compresi! Ricordo il primo giorno, l’appello e le presentazioni. Per rompere il ghiaccio chiesi “Com’è stato quest’anno di scuola?”. “Orribile” risposero in coro e capii quanto disagio e pesantezza aveva creato la pandemia.

Decisi che avrei fatto del mio meglio per farli stare bene e alimentare in loro fiducia per il futuro. Francesca, Lorenzo, Sofia, Davide e Marco, questi i nomi degli animatori che hanno condiviso questo percorso con noi, ragazzi che avrebbero potuto godersi le vacanze e che invece avevano scelto di prestare il loro servizio gratuitamente per aiutare il Don e il centro estivo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hanno organizzato staffette, squadre per giocare a pallavolo, a calcio e nascondino. Si sono mescolati ai ragazzi e divertiti con loro. Le escursioni ci hanno messo alla prova come esplora tori e scalatori! Abbiamo riso molto e questo ha fatto un gran bene a ognuno di noi. Anche il progetto di giornalismo è stato accolto con entusiasmo. C’è chi ha costruito la tv e chi ha fatto lo speaker. Tutti insieme hanno messo a frutto la fantasia e le loro capacità letterarie per scrivere l’articolo.

Ne è uscito un video bellissimo! Il momento più divertente? Uhmmm… se dico i giochi d’acqua vado quasi sul sicuro! Altri momenti che porto nel cuore? Sono moltissimi. Con le ragazze che si facevano le trecce, gli amori estivi, le scivolate per arrivare giù al fiume, il mal di macchina, il cartellone “Lollo we love you” delle fan e tanti tantissimi altri! Spero che anche per i ragazzi sia stata una bella esperienza e mi auguro di poterla ripetere l’anno prossimo.

Claudia Baldini con i ragazzi della Scuola Secondaria

Gr.EST 2019 Gr.EST 2018 Gr.EST 2017

San Nicolò in Cazzola

Close

Le origini medioevali della chiesa di Cazzola sono ancora visibili nella struttura architettonica della parte absidale esterna, a conci regolari e con archetti ciechi a decoro della fascia terminale. Le prime testimonianze inerenti la presenza di un edificio sacro risalgono al 1230. La chiesa è infatti  ricordata tra le cappelle del pievato di Traversetolo nel Capitulum Decimarum Omnium Ecclesiarum del 1230. Ancora nelle decime del 1299 viene...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Consiglio Pastorale
27 ottobre, mercoledì, ore 21.00 Leggi

Messa prefestiva
31 ottobre, domenica, ore 18.30 Leggi

Ora solare
31 ottobre, domenica Leggi

Madonna di Fontanellato
varie tappe e date Leggi

Tutti i Santi
01 novembre, lunedì Leggi