Un uomo saggio costruisce la sua casa sulla roccia

Vita di san Francesco d’Assisi detta “Compilazione di Perugia” (ca 1311) - §102

giugno 27 , 2019
Fin dall'inizio della sua conversione, il beato Francesco, come un uomo saggio, voleva, con l'aiuto del Signore, stabilire saldamente insieme la sua casa e lui stesso, cioè il suo Ordine dei Frati minori, su una roccia solida, ossia sulla grandissima umiltà e la grandissima povertà del Figlio di Dio. Fondati su una grandissima umiltà: per questo fin dall'inizio, quando il numero dei fratelli ha cominciato a crescere, prescrisse loro di rimanere negli ospizi per servire i lebbrosi. In quel momento, quando i postulanti si presentavano, sia che fossero nobili che plebei, erano avvertiti che avrebbero dovuto servire i lebbrosi e abitare nei loro ospizi. Fondati su una grandissima povertà: egli scrisse infatti nella sua regola che i fratelli devono abitare le loro case “come ospiti e pellegrini, e non desiderare nulla sotto il cielo”, se non la santa povertà grazie alla quale il Signore li nutrirà in questo mondo di alimenti per il corpo e di virtù, il che varrà loro nell'altra vita come eredità, cioè il cielo. Anche per se stesso, Francesco scelse questo fondamento di un'umiltà perfetta e di una povertà perfetta; pur essendo stato un grande personaggio nella Chiesa di Dio, ha scelto liberamente di occupare l'ultimo posto, non soltanto nella Chiesa, ma anche tra i suoi fratelli.    

Comunità in cammino

Close

Hai perso un numero del giornalino parrocchiale? Vuoi rileggere un articolo? Tutti le uscite disponibili per il download!

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

60° Fondazione Scuola Materna Madonna di Fatima
29 giugno, sabato, dalle ore 17.30 Leggi

Centro Estivo 2019
da lunedì 1 luglio a venerdì 9 agosto Leggi