Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete

Martedì della prima settimana

dicembre 01 , 2020

La Parola del Signore

…è ascoltata

In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo». E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».

…è meditata

Quando ci pensi Gesù, non puoi fare a meno di esultare di gioia nel tuo intimo, ti metteresti a danzare se fossi da solo e nessuno ti vedesse. Solo i piccoli capiscono, perché forse guardano le cose e le persone con il cuore e non con i soliti pregiudizi, con l’invidia o con il sospetto. Anche la Madre tua preferisce stare con loro, ogni volta che le permetti di apparire si rivolge a bambini, a poverelli, a gente che nessuno avrebbe mai e poi mai conosciuto, se lei non avesse loro rivolta la parola. L’Avvento è proprio questo: il tempo in cui solo i poveri e i piccoli, quelli che non immagino, capiscono chi sei e dove sei, perché il loro cuore resta aperto, fiducioso, pronto ad accogliere, non importa chi è l’altro. Si dovrebbe crescere solo in altezza e in età, in saggezza e sapienza, ma senza perdere il cuore da bambini: quell’innocenza che rende bella e buona ogni persona e ogni cosa del mondo. È la vita che però ci insegna il contrario: le ferite che ci sono state inferte, le cantonate e le delusioni, i tradimenti e le arroganze, le ingiustizie e i soprusi, ci fanno lasciare il cuore da bambini chiuso in una soffitta o in uno stanzino in fondo al cuore, per proseguire, col volto indurito, il nostro cammino nella vita e nel mondo. Ma oggi devo tornare a gioire, sì, perché, bisogna crederti, il Padre dei cieli sta guardando proprio in fondo al mio cuore e sorride, perché lui lo sa chi sono veramente! Devo crederci però anche io, e tirare fuori, come nuovo e smagliante, quel mio cuore semplice e buono che avevo dimenticato, come si apre un cofanetto di gioie e il Padre porrà in esso le tue parole segrete, che solo i piccoli potranno capire e sanno riportare, con innocenza, a chi li ascolta.

…è pregata

Rendimi semplice o Padre, purifica il mio cuore, lascia che io mi affidi interamente a te, alle tue braccia, stringimi a te e fa’ che ascolti e accolga dal tuo cuore le parole del bene, della speranza e dell’amore che il Tuo figlio riporta a noi in questo tempo che viviamo. Soccorrici tutti nelle nostre fatiche quotidiane e nelle prove della vita. Liberaci dal male antico che vuole rattristare il nostro cuore e allontanarlo dall’amore e da te, fonte della vita.

…mi impegna

Prendo una fotografia di quando ero bambino o bambina. Se non ne ho, cerco un ricordo di me, provo a guardarla con amore e a cercare quello sguardo che è rimasto lo stesso e che in quel giorno era collegato con un cuore da piccoli. Poi provo stare un po’ con quel cuore per ritrovare la bontà, l’innocenza e l’amore che forse ho nascosto da qualche parte, forse per paura di soffrire ancora.

Medjugorje

Close

In occasione del 54° compleanno, sollecitato da tanti fedeli, tornati entusiasti e cge desiderano rivivere questo luogo di fede, Don Andrea invita ad unirsi a lui, devoti e persone persone di buona volontà nel viaggio a Medjugorje....

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Incontro con i presbiteri
01 dicembre, martedì, ore 09.30 Leggi

Frammenti di Vita
02 dicembre, mercoledì, ore 18.00 Leggi

Rosario CVS
04 dicembre, venerdì, ore 17.25 Leggi

San Bernardo degli Uberti patrono della diocesi
04 dicembre, venerdì, ore 18.30 Leggi

Commento al Vangelo
04 dicembre, venerdì, ore 18.00 Leggi