« Chi ha orecchi per intendere intenda »

San Giovanni Crisostomo (ca 345-407), sacerdote ad Antiochia poi vescovo di Costantinopoli, dottore della Chiesa - Omelie sul vangelo di Matteo, n° 44 ; PG 57, 467

settembre 23 , 2017
Se il seme inaridisce non è per via del caldo. Gesù non ha detto che i semi inaridiscono per via del caldo, ma perché «non hanno radici». Se la parola viene soffocata non è per via delle spine, ma di coloro che le hanno lasciate crescere liberamente. Con la volontà puoi impedire loro di crescere, puoi usare la ricchezza in modo opportuno. Per questo il Salvatore parla non del «mondo» bensì delle «preoccupazioni del mondo», non della «ricchezza» ma «dell'inganno della ricchezza». Quindi non accusiamo le cose in sé, bensì la corruzione della nostra coscienza... Come puoi notare, tutto dipende non dal coltivatore, né dalla semente, bensì dalla terra che l'accoglie, cioè dalla disposizione del nostro cuore. Anche qui la bontà di Dio per l'uomo è immensa: lungi dall'esigere una medesima dose di virtù, egli accoglie i primi, non respinge i secondi, dà un posto ai terzi... Quindi occorre prima ascoltare la Parola con attenzione, poi custodirla fedelmente, poi armarsi di coraggio, poi disprezzare la ricchezza e liberarsi dall'amore di tutti i beni del mondo. Se Gesù pone l'attenzione per la Parola in primo luogo e prima di tutte le altre condizioni, è perché questa è la condizione necessaria. «Come potranno credere, senza averne sentito parlare?» (Rm 10,14). Anche noi, se non faremo attenzione a ciò che ci verrà detto, non sapremo quali sono i doveri da compiere. Solo dopo vengono il coraggio e il disprezzo dei beni del mondo. Comunque sia, per trarre profitto da questa lezione, fortifichiamoci: siamo attenti alla Parola, lasciamo crescere profondamente le nostre radici e liberiamoci da tutte le preoccupazioni del mondo.    

Brevi di cronaca

Close

Il 29 aprile del 1715 il parroco di Torre, Giovanni Battista Zambonini, partì da casa per andare in pellegrinaggio a Loreto in compagnia di Don Ortensio Pazzoni, arciprete di Cazzola e Don Patteri (sacerdote originario di Traversetolo). Arrivarono a destinazione il 5 maggio. 3 maggio 1846, Traversetolo, ricordi di Don Giovanni Battista Valla. All’effetto di essere riconoscente a quel Dio che si compiacque lasciarmi alla cura di...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Agenda del Vescovo : Sulla misura del cuore di Cristo
27 febbraio 2020, giovedì ore: 20:45 Leggi

Appuntamenti diocesani : "Sulla misura del cuore di Cristo"
27 febbraio 2020, giovedì ore: 20:45 Leggi

Appuntamenti diocesani : Ritiro del Presbiterio
27 febbraio 2020, giovedì ore: 09:30 Leggi

Appuntamenti diocesani : ACI a Parma2020: custodi del creato
27 febbraio 2020, giovedì ore: 18:00 Leggi

Visita alle Famiglie
Venerdì 28 Leggi