« Giuseppe, figlio di Davide, non temere »

Sant'Efrem Siro (ca 306-373), diacono in Siria, dottore della Chiesa - Inno per la Natività

dicembre 18 , 2021
Giuseppe abbracciava il Figlio del Padre celeste come un neonato, e lo serviva come il suo Dio. Si compiaceva in lui come nella Bontà in persona; si prendeva cura cdi colui che è il giusto per eccellenza (Mt 1,19). Quale paradosso! "Come è possibile, o Figlio dell'Altissimo, che tu divenga mio figlio? Contro tua madre mi irritavo, e pensavo di licenziarla. Non sapevo che c'era un gran tesoro nel suo seno che nella mia povertà all'improvviso mi rendeva ricco. Dalla mia stirpe è sorto il re Davide e si è cinto con la corona. A quale povertà sono arrivato! Sono operaio invece che re; eppure mi è data una corona poiché sul mio cuore riposa il Signore di tutte le corone."       

News dalla Santa Sede

Close

Le ultime news fornite dall'organismo ufficiale di comunicazione del Vaticano

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di giugno
27, 29 e 30 giugno Leggi

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi