« Gli pose le dita negli occhi e... gli toccò la lingua »

Sant'Efrem Siro (ca 306-373), diacono in Siria, dottore della Chiesa - Discorso « Sul Signore », 10-11

settembre 05 , 2021
La forza divina che l’uomo non può toccare è discesa, si è avvolta di un corpo palpabile, affinché i poveri possano toccarla e, toccando l'umanità di Cristo, percepiscano la sua divinità. Attraverso le dita di carne il sordomuto ha sentito che gli toccavano gli occhi e la lingua. Attraverso le dita palpabili, ha percepito la divinità intoccabile quando il nodo della sua lingua venne sciolto e le porte chiuse dei suoi occhi vennero aperte. Infatti l'architetto e costruttore del corpo è venuto fino a lui e, con una parola dolce, ha aperto senza far male le sue orecchie sorde; allora anche questa bocca chiusa, finora incapace di dare alla luce la parola, ha messo al mondo la lode di colui che donava alla sua sterilità la possibilità di dare frutto. Allo stesso modo, il Signore fece del fango con la saliva e spalmò il fango sugli occhi del cieco nato (Gv 9,6) per farci capire che qualcosa gli mancava, come al sordo muto. Un'imperfezione innata della nostra pasta umana è stata tolta grazie al lievito che veniva dal suo corpo perfetto. (...) Per colmare ciò che mancava a questi corpi umani, ha dato qualcosa della sua persona, proprio come dà se stesso in cibo [nell'eucaristia]. Con questo mezzo fa scomparire i difetti e risuscita i morti, perché possiamo riconoscere che, grazie al suo corpo in cui « abita tutta la pienezza della divinità » (Col 2,9), i difetti della nostra umanità sono corretti e, mediante questo corpo in cui abita la vera vita, la vera vita viene data ai mortali.     

Comunità in cammino

Close

Hai perso un numero del giornalino parrocchiale? Vuoi rileggere un articolo? Tutti le uscite disponibili per il download!

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di giugno
27, 29 e 30 giugno Leggi

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi