« Il signore del sabato »

Sant'Aelredo di Rievaulx (1110-1167), monaco cistercense inglese - Specchio della carità, III, 3,4,6

gennaio 17 , 2017
Quando l'uomo, allontanatosi dal vocìo esteriore, si è raccolto nel segreto del suo cuore, quando ha chiuso la sua porta alla folla rumorosa delle vanità, e ha passato in rassegna i suoi tesori, quando non c'è più in lui nessuna agitazione né disordine, nulla che lo tiranneggi, nulla che lo attanagli, quando tutto il piccolo mondo dei suoi pensieri, parole e azioni sorride all'anima, come si sorride al padre in una famiglia tutta unita e in pace, allora nasce nel cuore improvvisamente, una certezza meravigliosa. Da questa certezza nasce una gioia straordinaria, e da questa gioia zampilla un canto di esultanza che scoppia in lodi a Dio, tanto più ferventi, quanto più siamo coscienti che tutto il bene che vediamo in noi stessi è un puro dono di Dio. E' la gioiosa celebrazione del sabato, che deve essere preceduto da sei altri giorni, cioè dal pieno compimento delle opere. Dobbiamo prima affaticarci nel fare opere buone, per poi riposarci nella pace della nostra coscienza... In questo sabato, l'anima gode quanto dolce è Gesù.    

La verità vi farà liberi...

Close

1) Preghiera Risplenda la tua luce, Dio misericordioso, sui tuoi figli purificati dalla penitenza; tu che ci hai ispirato la volontà di servirti, porta a compimento l’opera da te iniziata. ______________________________ 2) Lettura: Libro del Profeta Daniele 3, 14-20. 46-50. 91-92. 95  In quei giorni il re Nabucodònosor disse: «È vero, Sadrac, Mesac e Abdènego, che...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di agosto
18 agosto, giovedì Leggi