« La pace di Cristo regni nei vostri cuori, perché ad essa siete stati chiamati  » (Col 3,15)

Sant'Ignazio di Loyola (1491-1556), fondatore dei Gesuiti - Exercizi spirituali; regole per un miglior discernimento dello spirito

giugno 30 , 2021
È proprio di Dio e dei suoi angeli dare con le loro ispirazioni vera letizia e gioia spirituale, togliendo ogni tristezza e agitazione causata dal demonio; è invece proprio di quest’ultimo combattere questa letizia e consolazione spirituale, presentando false ragioni, cavilli e continue menzogne. Solo Dio nostro Signore può dare all'anima una consolazione senza una causa precedente; infatti è proprio del Creatore entrare nell'anima, uscire, agire in essa, attirandola tutta all'amore della sua divina Maestà. Dicendo senza causa, si intende senza che l'anima senta o conosca in precedenza alcun oggetto, da cui possa venire quella consolazione. (...) È proprio dell'angelo cattivo, che si trasforma in angelo di luce (2Cor 11,14), seguire dapprima il pensiero dell'anima fedele e poi condurlo nel suo: suggerisce, cioè, pensieri buoni e santi, conformi a quell'anima retta, poi a poco a poco cerca di condurla ai suoi fini attirando l'anima ai suoi inganni occulti e ai suoi perversi disegni. Dobbiamo fare molta attenzione al corso dei nostri pensieri. Se nei pensieri tutto è buono: il principio, il mezzo e la fine e se tutto è orientato verso il bene, è segno dell'angelo buono. Può darsi invece che nel corso dei pensieri si presenti qualche cosa cattiva o futile o meno buona di quella che l'anima prima si era proposta di fare, oppure qualcosa che indebolisce l'anima, la rende inquieta, la mette in agitazione e le toglie la pace, la tranquillità e la calma che aveva prima: questo allora è un chiaro segno che quei pensieri provengono dallo spirito cattivo, nemico del nostro progresso e della nostra salvezza eterna. (...) In coloro che procedono di bene in meglio, l'angelo buono si insinua nell'anima in modo dolce, delicato e soave, come una goccia d'acqua che entra in una spugna; al contrario, l'angelo cattivo si insinua in modo pungente, con strepito e agitazione.     

San Lorenzo in Guardasone

Close

La chiesa di san Lorenzo di Guardasone si trova alla sommità del monte Oca. La sua edificazione in questo luogo avvenne nella seconda metà del Cinquecento, dopo che Ottavio Farnese, nel corso della guerra contro il duca d’Este il cui esercito si era barricato in Guardasone, distrusse sia il castello che la Guardiola. Il primo documento che attesta  la presenza di due chiese, una rovinata e l’altra da poco...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni