« Maria, dalla quale è nato Gesù »

Concilio Vaticano II - Constituzione dogmatica sulla Chiesa, « Lumen Gentium », 55

dicembre 17 , 2021
I libri del Vecchio e Nuovo Testamento e la veneranda tradizione mostrano in modo sempre più chiaro la funzione della madre del Salvatore nella economia della salvezza e la propongono per così dire alla nostra contemplazione. I libri del Vecchio Testamento descrivono la storia della salvezza, nella quale lentamente viene preparandosi la venuta di Cristo nel mondo. Questi documenti primitivi, come sono letti nella Chiesa e sono capiti alla luce dell'ulteriore e piena rivelazione, passo passo mettono sempre più chiaramente in luce la figura di una donna: la madre del Redentore. Sotto questa luce essa viene già profeticamente adombrata nella promessa, fatta ai progenitori caduti in peccato, circa la vittoria sul serpente (Gen 3,15). Parimenti, è lei, la Vergine, che concepirà e partorirà un Figlio, il cui nome sarà Emanuele (Is 7, 14; Mi 5,2). Essa primeggia tra quegli umili e quei poveri del Signore che con fiducia attendono e ricevono da lui la salvezza. E infine con lei, la figlia di Sion per eccellenza, dopo la lunga attesa della promessa, si compiono i tempi e si instaura la nuova « economia », quando il Figlio di Dio assunse da lei la natura umana per liberare l'uomo dal peccato coi misteri della sua carne.     

Amatrice

Close

Nei primi giorni di giugno i giovani della parrocchia di Traversetolo hanno fatto visita alla comunità di Amatrice per donare il ricavato di tante iniziative di beneficienza realizzate in oltre sei mesi di attività. Il viaggio per raggiungere le zone terremotate è giunto a conclusione di un lungo percorso iniziato nell’ottobre 2017 quando Laura Banzi, una delle catechiste dei giovani traversetolesi, aveva conosciuto don Savino D’Amelio, parroco di Amatrice e...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni