« Se uno mi ama... noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui »

Santa Teresa d'Avila (1515-1582), carmelitana, dottore della Chiesa - Relazioni diverse, 46 et 48

maggio 22 , 2022
        Una volta godevo, nel raccoglimento, di quella compagnia che ho sempre nell'animo ; mi sembrava che Dio vi si trovasse, in modo tale che pensavo a quella parola di san Pietro : « Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente » (Mt 16,16), perché Dio era veramente vivente in me. Questa presa di coscienza non assomigliava alle altre ; essa rende la fede più potente ; in quel momento non si sarebbe potuto dubitare che la Trinità fosse nell'animo con una presenza speciale, con la sua potenza e con la sua essenza. Sentire questo è estremamente vantaggioso per fare intendere una tale verità. Mentre mi stupivo di vedere una Maestà così alta in una creatura così spregevole quanto la mia anima, udii questa parola : « Non è spregevole la tua anima, figlia mia, poiché è stata fatta a mia immagine » (Gen 1, 27).         Un'altra volta, consideravo dentro di me questa presenza delle tre Persone divine. La luce era così viva, da non lasciare nessun dubbio che lì fosse presente il Dio vivente, il vero Dio... Pensavo quanto la vita fosse amara, da impedirci di stare sempre in una compagnia così mirabile, e... il Signore mi disse : « Figlia mia, dopo questa vita, non potrai più servirmi nello stesso modo. Quindi, sia che tu mangi, sia che tu dorma, qualunque cosa tu faccia, fallo per amore mio, come se non fossi più tu a vivere, ma io in te. Questo ha proclamato san Paolo » (Gal 2, 20).     

Liturgia delle Ore

Close

Il sito della parrocchia come strumento di preghiera: la Liturgia delle Ore

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi