« Una gran folla, sentendo ciò che faceva, si recò da lui »

Sant'Efrem Siro (ca 306-373), diacono in Siria, dottore della Chiesa - Diatèssaron, preghiera finale; SC 12, 404

gennaio 19 , 2017
O misericordie, elargite e dispensate su tutti gli uomini. Esse dimorano in te, Signore, che nella tua compassione per tutti gli uomini sei andato loro incontro. Con la tua morte, hai aperto loro i tesori delle tue misericordie... Il tuo essere profondo infatti è nascosto alla vista degli uomini, ma abbozzato nei minimi movimenti. Le tue opere ci fanno intravedere il loro Autore, e le creature ci indicano il Creatore (Sap 13,1; Rm 1,20), perché potessimo toccare colui che si sottrae alla ricerca intellettuale, ma si lascia vedere nei suoi doni. È difficile giungere faccia a faccia con lui, ma è facile avvicinarglisi. Le nostre azioni di grazie non bastano, ma ti adoriamo in ogni cosa per il tuo amore verso tutti gli uomini. Tu distingui ognuno di noi, nel fondo del nostro essere invisibile, mentre siamo tutti uniti fondamentalmente mediante l'unica natura di Adamo... Adoriamo te, che hai posto ognuno di noi in questo mondo, che ci hai affidato tutto ciò che vi si trova, e che ce ne separerai, nell'ora che non conosciamo. Adoriamo te, che hai messo la parola sulla nostra bocca perché potessimo presentarti le nostre richieste. Ti acclama Adamo, che riposa nella pace, e anche noi che siamo la sua posterità, perché siamo tutti beneficiari della tua grazia. I venti ti lodano..., la terra ti loda..., i mari ti lodano..., gli alberi ti lodano..., anche le piante e i fiori ti benedicono...Tutte le cose si raccolgano e uniscano la loro voce per lodarti, rivaleggiando in azioni di grazie per tutte le tue bontà, e unite nella pace per benedirti; tutte le cose alzino insieme per te un'opera di lode. Spetta a noi tendere verso te ogni nostra volontà, e spetta a te riversare su di noi un po' della tua pienezza, perché la tua verità ci converta e così scompaia la nostra debolezza che, senza la tua grazia, non può giungere a te, Maestro di ogni dono.    

\"Questa figlia di Abramo che Satana aveva...

Close

La libertà dell'uomo: Dio ha creato l'uomo ragionevole conferendogli la dignità di una persona dotata dell'iniziativa e della padronanza dei suoi atti. \"Dio volle, infatti, lasciare l'uomo \"in mano al suo consiglio\" (Sir 15,14) affinché egli cerchi spontaneamente il suo Creatore e giunga liberamente, con l'adesione a lui, alla piena e beata perfezione\"; \"L'uomo è dotato di ragione, e in questo è simile a Dio, creato...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Il Vangelo della Domenica
10 luglio, venerdì, ore 18.00 Leggi

Messa dal Vescovado
11 luglio, sabato, ore 17.45 Leggi

Festa di San Benedetto Abate
11 luglio, sabato, ore 10.30 Leggi

Messa Festiva
12 luglio, domenica, ore 10.00 Leggi

Madonna del Carmelo
16 luglio, giovedì, ore 07.00 Leggi