"Aumenta la nostra fede!"

San Cirillo di Gerusalemme (313-350), vescovo di Gerusalemme e dottore della Chiesa - Catechesi battesimale 5, 10-11: PG 33,518

agosto 11 , 2018
La parola “fede” è un unico vocabolo, ma ha un doppio significato. C'è infatti un aspetto della fede che si rapporta ai dogmi; si tratta di assentire ad una data verità. Questo aspetto della fede è utile all'anima, secondo la parola del Signore: “Chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna” (Gv 5,24)... Ma c'è un secondo aspetto della fede: è la fede che ci è data da Cristo come un carisma, gratuitamente, come un dono spirituale. “A uno viene concesso dallo Spirito il linguaggio della sapienza; a un altro invece, per mezzo dello stesso Spirito, il linguaggio di scienza; a uno la fede per mezzo dello stesso Spirito; a un altro il dono di far guarigioni” (1Cor 12,8-9). Questa fede che ci è data come una grazia dallo Spirito Santo non è solo la fede dogmatica, ma ha la potenza di attuare ciò che supera le forze umane. Chi possiede questa fede “dirà a questa montagna: 'Spostati da qui a là', ed essa si sposterà”. Poiché quando qualcuno pronuncia questa parola con fede, “credendo che avverrà, e senza dubitare” (Mc 11,23) allora riceve la grazia della sua attuazione. E' di questa fede che si dice: “Se aveste fede quanto un granello di senape”. Infatti, il granello di senape è molto piccolo ma possiede un'energia di fuoco; seme minuscolo, si sviluppa al punto di dispiegare lunghe fronde dove si annidano pure gli uccelli (Mt 13,32). Così la fede compie in un'anima le più grandi imprese in un batter d'occhio. Quando è illuminata dalla fede, l'anima immagina Dio e lo contempla per quanto le è possibile. Abbraccia i limiti dell'universo e, prima della fine del tempo, vede già il giudizio ed il compimento delle promesse. Tu dunque, fa' in modo di possedere questa fede che dipende da Dio e ti porta verso di lui; allora riceverai da lui la fede che agisce al di là delle forze umane.    

Traversetolo riscopre le sue origini

Close

È di questi giorni (aprile 2017 n.d.r) la notizia del rinvenimento nello scavo della nuova area destinata alla costruzione del supermercato Conad, nella zona artigianale in prossimità della rotonda su via Bora, di alcune tracce di un antichissimo insediamento preistorico. Anche se la Soprintendenza di Archeologia di Parma non ha rilasciato alcuna dichiarazione, le ipotesi più concrete farebbero supporre si tratti di una terramara dell’eneolitico,...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Agenda del Vescovo : Messa a Santa Maria del Piano
21 settembre 2019, sabato ore: 08:00 Leggi

Appuntamenti diocesani : Come sigillo sul cuore
21 settembre 2019, sabato ore: 17:00 Leggi

Porte aperte
22 settembre, domenica, dalle ore 10.00 Leggi

Incontro di preghiera del gruppo mariano "il chicco"
22 settembre, domenica, ore 15.30 Leggi

Agenda del Vescovo : Incontro con i cresimandi
22 settembre 2019, domenica ore: 16:00 Leggi