Che gioia sapere che la misericordia di Dio è infinita!

San Giovanni Maria Vianney (1786-1859), sacerdote, curato d'Ars - La riconoscenza a Dio

novembre 05 , 2020
Il comportamento di Gesù Cristo nella vita mortale ci mostra la grandezza della sua misericordia verso i peccatori. Vediamo che tutti vengono a tenergli compagnia; e lui, lungi dal rifiutarli o almeno allontanarsi da loro, al contrario fa di tutto per stare con loro, per attirarli al Padre. Li va a cercare, attraverso il rimorso della coscienza, li riconduce con la sua grazia e li conquista con il suo fare amorevole. Li tratta con tale bontà che prende persino la loro difesa contro gli scribi e i farisei che vogliono rimproverarli e che sembrano non sopportare la loro presenza vicino a Cristo. Va ancora più lontano, vuol giustificare la condotta che ha nei loro riguardi con una parabola che dipinge, come meglio non si potrebbe fare, la grandezza del suo amore per i peccatori, dice: "Un buon pastore che aveva 100 pecore, perdutane una, lascia tutte le altre...". Aggiunge poi la parabola della donna che, avendo 10 dracme e avendone perduta una, accende la lampada per cercarla in tutti gli angoli della casa, e ritrovatala, chiama le amiche per rallegrarsene con loro. (...) Vediamo che Cristo applica a se stesso le immagini vive della grandezza della sua misericordia verso i peccatori. Ah! Che gioia per noi sapere che la misericordia di Dio è infinita! Quale forte desiderio dobbiamo sentir nascere in noi di andare a gettarci ai piedi di un Dio che ci accoglierà con tanta gioia! No, se ci danniamo, non avremo scuse, quando Gesù Cristo ci mostrerà lui stesso che la sua misericordia è sempre stata abbastanza grande per perdonarci in qualsiasi modo fossimo colpevoli. (...) O mio Dio! Come si può dannarsi se costa così poco salvarsi e Gesù Cristo desidera così tanto la nostra salvezza?...    

Santo Stefano in Torre

Close

L’accesso alla chiesa di Torre si apre sullo slargo di via del Braccio, all’incrocio con via Nuova della Costa e strada di Berzora. La chiesa di santo Stefano presenta una semplice struttura in sasso e conci di arenaria lavorati il cui recupero e  reimpiego lascia supporre l’esistenza di un precedente edificio. L’attuale è infatti frutto di diversi interventi architettonici distribuiti nei secoli ed evidenti esternamente...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

San Fermo
09 agosto, martedì, ore 11.00 Leggi

San Lorenzo
10 agosto, mercoledì, ore 21.00 Leggi