Chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato

Sabato nell'ottava del Natale - Santo Stefano

dicembre 26 , 2020

La Parola del Signore

…è ascoltata

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi. Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato».

…è meditata

Abbiamo celebrato appena ieri il tuo Natale, Gesù, ed ecco che la Chiesa già mi presenta il martirio di Stefano, un diacono dedito al servizio delle mense dei poveri e all’aiuto alle vedove. Pensavo di avere un po’ più di tempo per godermi l’incanto natalizio, ma evidentemente ce ne resta poco. La tua venuta, se per alcuni è origine di un nuovo cammino di amore e di pace, per altri è solo un fastidioso urto alle consuetudini di una vita fondata sull’egoismo del proprio interesse, sull’ingiustizia, sulle falsità. Mentre ieri eri lì con le tue braccine aperte, qualcuno forse stava già pensando come approfittare della fiducia altrui, come criticare o denigrare a proprio favore; a speculare sulle difficoltà degli altri, sgomitare per prendersi un primo posto nel mercato delle ipocrisie. La tua nascita è stato un inizio di qualcosa di veramente nuovo, e, per me, un ritorno all’inizio. Ora occorre riprendere il cammino nella direzione giusta, senza farmi condizionare dagli ostacoli che incontrerò anche da parte di coloro che mi sono accanto. Stavolta non avrò né cori angelici e né stelle che mi guideranno, mi basterà la Grazia di questo ritorno.

…è pregata

Ti chiedo solo il coraggio di non fermarmi quando mi diranno che il Natale è solo una favola, che la realtà è un’altra. Ti prego di non farmi mai abituare alle ingiustizie, alla logica delle raccomandazioni che schiaccia il merito, ai giochi della politica e della finanza, al modo mafioso di agire che sembra diventare legge genetica di questo mondo, all’arroganza dei più forti, di chi grida di più, dei vigliacchi che minacciano gli indifesi. Che io non mi vergogni di testimoniare che se tu sei venuto sarà il Bene a dire l’ultima parola sul nostro male.

…mi impegna

Ripenso a ciò che nella mia vita possa essere ingiusto, a ciò che potrei fare, nel mio piccolo, per un mondo più giusto, e testimoniare così la forza rinnovatrice della venuta del Signore tra noi.

Mongolo1984, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Comunità in cammino

Close

Hai perso un numero del giornalino parrocchiale? Vuoi rileggere un articolo? Tutti le uscite disponibili per il download!

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Consiglio Pastorale
27 ottobre, mercoledì, ore 21.00 Leggi

Messa prefestiva
31 ottobre, domenica, ore 18.30 Leggi

Ora solare
31 ottobre, domenica Leggi

Madonna di Fontanellato
varie tappe e date Leggi

Tutti i Santi
01 novembre, lunedì Leggi