Chiamati a lodare Dio

Beato Charles de Foucauld (1858-1916), eremita e missionario nel Sahara - § 91, salmo 46

dicembre 01 , 2020
Quanto siete buono Dio che ci chiamate a lodarvi! Cosa c'è di più dolce che lodare colui che amiamo! (...) Lodiamolo! Dio stesso ci dà il precetto e l'esempio. Quanti sono i salmi di lode! "Ogni vivente dia lode al Signore!" (Sal 150,5), "Lodate il Signore, popoli tutti!" (Sal 117,1)... E quante volte esclama nostro Signore: "Ti rendo lode, Padre, che..." (Lc 10,21), quante volte gli dà nomi di lode: "Padre santo... Padre giusto..." (Gv 17,11.25) E quando c'insegna a pregare, cosa ci fa dire? "Padre nostro che sei nei cieli. sia santificato il tuo nome" (Mt 6,9) cioè: sia glorificato sia con le parole che col pensiero e le azioni da tutti gli uomini. (...) D'altronde la lode è un bisogno dell'amore, e anche se Dio non ci desse né il precetto né l'esempio di lodare, sarebbe obbligo per noi farlo, per il solo fatto che ci dice: "Il primo comandamento è d'amarmi". L'ammirazione è parte fondamentale di ogni vero amore: ne è il fondamento e la causa; il motivo del vero amore è il bene, la perfezione che è nell'essere amato; questo bene e questa perfezione suscitano ammirazione, e dietro l'ammirazione, appena diverso da lei, viene l'amore. Ora la lode non è altro che espressione dell'ammirazione; quindi c'è per forza ... ovunque c'è il vero amore. Lodiamo dunque Dio, dentro di noi con lodi mute di amorosa contemplazione, ed esternamente con parole d'ammirazione che l'ammirazione delle sue perfezioni ci metterà sulle labbra.    

Liturgia delle Ore

Close

Il sito della parrocchia come strumento di preghiera: la Liturgia delle Ore

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di giugno
27, 29 e 30 giugno Leggi

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi