"Come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell'uomo lo sarà per questa generazione"

San Giovanni Maria Vianney (1786-1859), sacerdote, curato d'Ars - Omelia per la terza domenica dopo Pentecoste

marzo 08 , 2017
Fratelli miei, se consideriamo le varie epoche del mondo vediamo dovunque la terra coperta dalla misericordia del Signore e gli uomini avvolti dai suoi benefici. Fratelli, non è il peccatore che torna a Dio per chiedergli perdono; piuttosto è Dio stesso che corre dietro il peccatore e lo fa tornare a lui... Aspetta i peccatori alla penitenza e li invita con gli impulsi interiori della grazia e la voce dei suoi ministri. Guardate come fa con Ninive, grande città peccatrice. Prima di punirne gi abitanti, ordina al suo profeta Giona di andare a nome suo ad annunciare loro che dopo quaranta giorni li avrebbe puniti. Giona,invece di andare a Ninive, scappa da un'altra parte. Vuole attraversare il mare; ma Dio, lungi dal lasciare gli abitanti di Ninive senza l'avviso dell'imminente punizione, fa un miracolo per mantenere in vita il suo profeta, per tre giorni e tre notti nel ventre di una balena, che, dopo tre giorni, lo vomita sulla terra. Allora il Signore disse a Giona: "Va ad annunciare alla grande città che fra quaranta giorni perirà". Non pone alcuna condizione. Il profeta partì e annunciò a Ninive che dopo quaranta giorni sarebbe stata distrutta. A questa notizia, tutti si diedero alla penitenza e al pianto, dall'ultimo contadino al re. Disse loro il re: "Chissà che il Signore non abbia pietà di noi?" Il Signore, vedendoli ricorrere alla penitenza, sembra rallegrarsi di poterli perdonare. Giona, al compiersi del tempo della punizione, si ritirò fuori della città, aspettando che il fuoco piombasse dal cielo su di essa. Vedendo che non cadeva Giona esclamò: "Oh Signore! Mi farai passare per un falso profeta? Fammi morire piuttosto. Ah! So bene che sei troppo buono e non chiedi che di perdonare!" Gli disse il Signore: "Cosa credi, Giona? Volevi che facessi perire così tante persone che si sono umiliate davanti a me? No, no, Giona, non ne avrei il coraggio; al contrario, le amerò e le manterrò in vita".     

Liturgia delle Ore

Close

Il sito della parrocchia come strumento di preghiera: la Liturgia delle Ore

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di dicembre
5 e 6 dicembre Leggi

Immacolata
08 dicembre, giovedì Leggi