Convertirsi e non perire

Giuliana di Norwich (tra 1342-1430 cc), reclusa inglese - Rivelazioni dell’amore divino, cap. 39

ottobre 26 , 2019
Il peccato è la sferza più terribile che possa colpire un’anima eletta. Schiaccia l’uomo o la donna, abbassandolo talmente ai propri occhi che quello crede di meritare ormai solo l’inferno, fino al momento in cui, toccato dallo Spirito Santo, è preso da contrizione e vede la sua amarezza trasformarsi in speranza nella misericordia divina. Allora le sue ferite cominciano a guarire e la sua anima a vivere, dal momento in cui si orienta alla vita della santa Chiesa. Lo Spirito Santo lo conduce alla confessione, per potervi confessare pienamente i suoi peccati, apertamente e francamente, col dolore grande e la vergogna di aver deturpato la bella immagine di Dio. Dal confessore riceve la penitenza per ogni peccato, mentre è re-inserito nella santa Chiesa per l’insegnamento dello Spirito Santo. E questa umiltà piace tanto a Dio. (…) Nostro Signore si prende grandissima cura di noi, anche quando crediamo di essere abbandonati, respinti, a causa dei peccati e vediamo che l’abbiamo meritato. L’umiltà che così acquistiamo ci innalza agli occhi di Dio. La grazia divina fa nascere una così grande contrizione, compassione e vera sete di Dio che il peccatore, appena liberato dal peccato e dalla pena, è innalzato alla beatitudine, come i grandi santi.     

Comunità in cammino

Close

Hai perso un numero del giornalino parrocchiale? Vuoi rileggere un articolo? Tutti le uscite disponibili per il download!

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Madonna del Carmelo
16 luglio, giovedì, ore 07.00 Leggi

L'amor a mi venendo
18 luglio, sabato, ore 17.30 Leggi

Messa Festiva
19 luglio, domenica, ore 10.00 Leggi

Grest ACR
20 luglio, lunedì, ore 8.00 Leggi

San Giacomo
25 luglio, sabato, ore 20.30 Leggi