“Ecco il mio servo che io ho scelto”

Sant'Ippolito di Roma (?-ca 235), sacerdote e martire - Confutazione di tutte le eresie 10, 33-34

luglio 17 , 2021
Ecco la nostra fede (...): Dio ha inviato la sua Parola, il Verbo (Gv 1,1), a manifestarsi in persona agli uomini, affinché il mondo, vedendolo, fosse salvato. (… ) Sappiamo che si è fatto uomo, come noi. Se fosse stato diversamente, invano ci avrebbe ordinato di imitarlo come nostro maestro (Gv 13,14.34). Se quest’uomo fosse stato di un’altra natura, come avrebbe potuto chiedermi di fare come lui, a me che sono debole per natura? Dove sarebbe la sua bontà, la sua giustizia? Per farci ben capire che non è diverso da noi, ha voluto sopportare la fatica e conoscere la fame (Gv 4,6); non ha rifiutato di aver sete, si è riposato dormendo, non si è sottratto alla sofferenza, ha subito la morte ed ha chiaramente manifestato la sua risurrezione. In tutto ha offerto la sua umanità come primizia affinché tu, nella sofferenza, non ti perda di coraggio, ma, riconoscendoti uomo, attendi anche tu che il Padre ti dia quanto ha dato a lui. (…) Grazie alla conoscenza del vero Dio, avrai un corpo immortale e incorruttibile come l’anima stessa; riceverai in eredità il Regno dei cieli perché avrai riconosciuto il Re del cielo mentre vivevi in terra. Vivrai alla presenza di Dio, “erede con Cristo” (Rom 8,17). Non sarai più dominato dai desideri, dalle sofferenze e dalle malattie, poiché sei diventato di natura divina. (…) “Cristo è Dio, al di sopra di tutto” (cfr Rom 9,5) (…) e ha dato all’uomo vecchio la perfezione dell’uomo nuovo (Col 3,9). Fin dal principio l’ha chiamato sua immagine (Gen 1,27), e con questa somiglianza ha mostrato la sua tenerezza per te. Se obbedisci ai suoi santi comandamenti, se con la bontà imiti Colui che è buono, diverrai simile a lui.     

All'opera!

Close

Se accostiamo una conchiglia all’orecchio e aspettiamo, sentiremo in lontananza il mormorio del mare. Ma se ascoltiamo ancora più attentamente, senza stancarci, troveremo qualcosa di più raro e segreto, perché in quel rumore leggero e ritmico, come in ogni suono della natura, si nasconde una storia. Questa storia ha per protagonista una bambina: potresti essere tu, ma noi per comodità la chiameremo Sofia. Un giorno Sofia aprì gli occhi e si...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni