"Ecco l'Agnello di Dio"

Santa Teresa Benedetta della Croce [Edith Stein] (1891-1942), carmelitana, martire, compatrona dell'Europa - Le Nozze dell'Agnello, 14/9/1940

gennaio 03 , 2018
Nell'Apocalisse, l'Apostolo Giovanni vede "ritto, un Agnello come immolato" (Ap 5,6)... Lungo il Giordano, Giovanni il Battista aveva designato Gesù come "l'Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo". L'Apostolo Giovanni allora aveva capito questa parola, e ora capiva questa immagine. Colui che un tempo camminava lungo il Giordano e ora gli era apparso con un abito bianco e gli occhi fiammeggianti come fuoco" e con la spada del giudice, lui, "il Primo e l'Ultimo" (Ap 1,13.17), aveva compiuto in verità tutto quanto era stato abbozzato simbolicamente dai riti dell'antica Alleanza. Quando, nel giorno più santo e più solenne dell'anno il sommo sacerdote penetrava nel Santo dei Santi, il luogo terribilmente santo della presenza divina, aveva prima preso due capri, uno per caricarlo dei peccati del popolo affinché li porti nel deserto (Lv 16,21), l'altro per aspergere del suo sangue la tenda e l'arca dell'alleanza (Lv 16,15). Era il sacrificio per il peccato offerto per il popolo... Poi offriva il suo olocausto e l'olocausto del popolo e faceva ardere sull'altare le parti grasse del sacrificio espiatorio (Lv 16,25)... Era solenne e santo questo giorno della Espiazione. Ma cosa dunque aveva realizzato l'espiazione? Non dipendeva dal sangue degli animali immolati, né dal sommo sacerdote della discendenza di Aronne, come ha detto san Paolo nella sua lettera agli Ebrei (cap 8-9). L'ha realizzato invece l'ultimo sacrificio di espiazione, colui che era prefigurato in tutti i sacrifici prescritti dalla Legge, e "il sommo sacerdote al modo di Melchisedek" (Sal 109,4)...Egli era anche il vero Agnello pasquale, grazie al quale l'angelo sterminatore passava oltre le case degli Ebrei, mentre colpiva le case degli Egiziani (Es 12,23). Il Signore in persona aveva fatto conoscere ai suoi discepoli tutto ciò quando, per l'ultima volta, mangiò con loro l'agnello pasquale prima di dare loro se stesso in cibo.    

San Michele Arcangelo in Sivizzano

Close

Le notizie attorno alla chiesa di Sivizzano sono scarsissime, tuttavia la sua dedicazione a San Michele, santo sovente ricordato nelle prime consacrazioni longobarde, indurrebbe a supporre un’epoca di origine molto antica. Della sua presenza però si viene a conoscenza solamente attraverso le decime del 1230. Nel Capitulum Decimarum, all’interno del pievato di san Martino di Traversetolo, si trascrive Capelle de Sivizzano. Stranamente, nel...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Agenda del Vescovo : Messa a Santa Maria del Piano
21 settembre 2019, sabato ore: 08:00 Leggi

Appuntamenti diocesani : Come sigillo sul cuore
21 settembre 2019, sabato ore: 17:00 Leggi

Porte aperte
22 settembre, domenica, dalle ore 10.00 Leggi

Incontro di preghiera del gruppo mariano "il chicco"
22 settembre, domenica, ore 15.30 Leggi

Agenda del Vescovo : Incontro con i cresimandi
22 settembre 2019, domenica ore: 16:00 Leggi