Gesù chiama le città di Galilea alla conversione

San Girolamo (347-420), sacerdote, traduttore della Bibbia, dottore della Chiesa - Su Gioele; PL 25,667

luglio 18 , 2017
“Il Signore è buono e misericordioso”. Vuole piuttosto la penitenza che la morte del peccatore (Gl 2,13). “È paziente e ricco di compassione” e non imita l’impazienza degli uomini, anzi aspetta per lungo tempo la nostra conversione. Il Signore è pienamente disposto a perdonare e a pentirsi della sentenza di condanna che aveva preparata per i nostri peccati. Se noi ci pentiamo di quanto abbiamo fatto di male, egli si pentirà della decisione di castigo che aveva preso e del male che aveva minacciato di farci... Se noi cambiamo vita, anch’egli cambierà... Il profeta, dopo aver rivelato la misericordia di Dio verso chi si pente, soggiunge: “Chi sa che non cambi e si plachi e lasci dietro a sé una benedizione?” (2,14). Il profeta intende dire: io assolvo il mio mandato, vi esorto alla penitenza perché so che Dio è oltremodo clemente, come si ricava anche dalla preghiera di Davide: “Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia; nella tua grande bontà, cancella il mio peccato” (Sal 51,3). Però siccome non possiamo conoscere la profondità della ricchezza, della sapienza e della scienza di Dio (Rm 11,33), il profeta mitiga la sua affermazione e, più che presumere, esprime un voto: “Chi sa?”, per indicare che la cosa se non impossibile, è per lo meno difficile.    

Gallery

Close

Una ampia galleria immagini. Sfoglia l'album della tua parrocchia!

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Agenda del Vescovo : Messa a Santa Maria del Piano
21 settembre 2019, sabato ore: 08:00 Leggi

Appuntamenti diocesani : Come sigillo sul cuore
21 settembre 2019, sabato ore: 17:00 Leggi

Porte aperte
22 settembre, domenica, dalle ore 10.00 Leggi

Incontro di preghiera del gruppo mariano "il chicco"
22 settembre, domenica, ore 15.30 Leggi

Agenda del Vescovo : Incontro con i cresimandi
22 settembre 2019, domenica ore: 16:00 Leggi