"I giusti splenderanno come il sole " (Mt 13,46)

San Teodoro Studita (759-826), monaco a Costantinopoli - Catechesi 42

luglio 28 , 2020
Col pensiero vediamo nostro Signore Gesù Cristo seduto su un trono di gloria; vicino a lui ci sono serafini, cherubini e ogni ordine di angeli che lo servono con timore e tremore. Allora sentiranno la voce benedetta del Maestro coloro che hanno compiuto la lotta senza lasciarsi attirare dalle seduzioni secolari, né sedurre dal piacere del mondo vano. Lui dice: "Allora i giusti splenderanno come il sole" (Mt 13,46) quando saranno arrivati da levante e da occidente, da nord e dal mare e prenderanno posto alla festa con Abramo, Isacco e Giacobbe (cf. Mt 8,11) in una gioia ineffabile (cf. 1 P 1,8) quando il nostro Re e Signore distribuirà i doni secondo i meriti. Ah! fratelli e figli miei, ah! Quanto grande e bella la gloria di cui gioiremo i tre volte beati e santi che avranno praticato la rinuncia! Sì, certamente, ognuno riceverà i beni promessi secondo quanto piacerà a Dio. (…) Ormai dunque, correte bene (cf. Ga 5,7) e il diavolo non vi ammalii (cf. 3,1), né vi ostacoli! (…) Scenda su di voi (…), misericordia, pace, carità, assenza d'invidia, di gelosia e ostentazione, docilità, linguaggio benevolo, solidarietà, compassione gli uni per gli altri, umiltà. Vivete così, comportatevi così, pregando anche con tutto il cuore per la mia umile persona, affinché non sia gettato nel fuoco dell'inferno; potessimo tutti noi evitarlo, dopo essere stati giudicati degni del regno dei cieli nel Cristo stesso, nostro Dio, a cui conviene ogni gloria, onore, adorazione e magnificenza col Padre e il Santo Spirito, ora e sempre per tutti i secoli dei secoli. Amen.    

Gallery

Close

Una ampia galleria immagini. Sfoglia l'album della tua parrocchia!

Continua...





Avvisi e Comunicazioni