III Domenica di Quaresima - Anno C

Dare profumo alla nostra vita - Omelia di Don Giancarlo

marzo 24 , 2019

Disse anche questa parabola: «Un tale aveva un fico piantato nella vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: Ecco, son tre anni che vengo a cercare frutti su questo fico, ma non ne trovo. Taglialo. Perché deve sfruttare il terreno? Ma quegli rispose: Padrone, lascialo ancora quest'anno finché io gli zappi attorno e vi metta il concime e vedremo se porterà frutto per l'avvenire; se no, lo taglierai».

Dopo le premesse contenute nei Vangeli precedenti in cui Gesù ha invitato alla fiducia nella Parola dando dimostrazione che credendo in lui si condividerà la sua gloria, ora impone il precetto perché ciò avvenga: convertitevi, se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo.

Alcune persone, racconta Luca nel brano evangelico, si lamentano dell’abuso di potere di Pilato, che ha giustiziato alcuni Galilei, e cercano da Gesù le spiegazioni di fronte alla violenza che esplode e colpisce inaspettata. Gesù sgombra subito il campo da ogni equivoco sull’origine della violenza che l’uomo subisce: il male non è mai una punizione, tanto meno divina, per un peccato compiuto, e sbagliamo se facciamo dell’esistenza del male un’obiezione alla conversione.

Cercando spiegazioni umanamente logiche alle sofferenze, alle sventure che possono accadere, si rischia di perdersi.

Nelle parole di Gesù riecheggia l’accorato invito che da sempre Dio rivolge all’uomo: “Io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione. Scegli dunque la vita perché viva tu e la tua discendenza, amando il Signore tuo Dio, obbedendo alla sua voce e tenendoti unito a lui” (Dt 30, 19).

Scegliere la vita significa convertirsi.

« Da questo tutti sapranno che siete miei...

Close

La carità che fece scendere Cristo dal cielo sulla terra, innalzò Stefano dalla terra al cielo. La carità fu prima nel Re, rifulse poi nel soldato... Dove Stefano, ucciso dalle pietre di Paolo, lo ha preceduto, là Paolo lo ha seguito per le preghiere di Stefano. Quanto è verace quella vita, fratelli, dove Paolo non resta confuso per l'uccisione di Stefano, ma Stefano si rallegra della compagnia di Paolo, perché la carità...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Madonna del Carmelo
16 luglio, giovedì, ore 07.00 Leggi

L'amor a mi venendo
18 luglio, sabato, ore 17.30 Leggi

Messa Festiva
19 luglio, domenica, ore 10.00 Leggi

Grest ACR
20 luglio, lunedì, ore 8.00 Leggi

San Giacomo
25 luglio, sabato, ore 20.30 Leggi