Il discepolo che è giunto a « penetrare nella perfetta conoscenza del mistero di Dio, nel quale sono nascosti tutti i tesori della sapienza e della scienza » (Col 2,3)

Ruperto di Deutz (ca 1075-1130), monaco benedettino - Sulle opere dello Spirito Santo, IV, 10; SC 165

dicembre 27 , 2021
Nella misura di quella grazia che ha fatto sì che Gesù lo amasse e che l'abbia fatto riposare sul suo petto alla Cena (Gv 13,23), Giovanni ha ricevuto in abbondanza l'intelligenza e la sapienza [i doni dello Spirito] (Is 11,2) – l'intelligenza per comprendere le Scritture; la sapienza per redigere i suoi libri con un'arte mirabile. A dire il vero non ha ricevuto questo dono fin dal momento in cui ha riposato sul petto del Signore, anche se in seguito ha potuto attingere da questo cuore « nel quale sono nascosti tutti i tesori della sapienza e della scienza » (Col 2,3). Quando egli dice che, entrando nel sepolcro, « vide e credette », riconosce che « non avevano ancora compreso la Scrittura, che egli cioè doveva risuscitare dai morti » (Gv 20,9). Come gli altri apostoli, Giovanni è giunto alla sua piena misura alla Pentecoste, quando è venuto lo Spirito Santo, quando la grazia è stata data a ciascuno « secondo la misura del dono di Cristo » (Ef 4,7). (...) Il Signore Gesù ha amato questo discepolo più degli altri (...), e gli ha aperto i segreti del cielo (...) per fare di lui lo scriba del mistero profondo, del quale l'uomo, da solo, non può dire nulla: il mistero del Verbo di Dio, del Verbo fatto carne. E' il frutto di questo amore. Eppure, anche se lo amava, non a lui Gesù disse: « Sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa » (Mt 16,18). (...) Pur amando tutti i suoi discepoli e innanzi tutto Pietro con un amore di spirito e d'anima, nostro Signore ha amato Giovanni con un amore di cuore. (...) Nell'ordine dell'apostolato, Simon Pietro ha ricevuto il primo posto e « le chiavi del Regno dei cieli » (Mt 16,19); Giovanni, invece, ha ottenuto un'altra parte dell'eredità: lo spirito d'intelligenza, « un tesoro di gioia e di esultanza » (Sir 15,15).     

San Michele Arcangelo in Sivizzano

Close

Le notizie attorno alla chiesa di Sivizzano sono scarsissime, tuttavia la sua dedicazione a San Michele, santo sovente ricordato nelle prime consacrazioni longobarde, indurrebbe a supporre un’epoca di origine molto antica. Della sua presenza però si viene a conoscenza solamente attraverso le decime del 1230. Nel Capitulum Decimarum, all’interno del pievato di san Martino di Traversetolo, si trascrive Capelle de Sivizzano. Stranamente, nel...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di giugno
27, 29 e 30 giugno Leggi

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi