"A chi è come loro appartiene il regno di Dio"

San Clemente d'Alessandria (150-ca 215), teologo - Il Pedagogo, I, 12, 17; SC 70

marzo 02 , 2019
Il ruolo di Cristo, nostro Pedagogo, è guidare i bambini, come dice il nome. Resta da esaminare di quali bambini vuol parlare la Scrittura, poi a dar loro il loro Pedagogo. I bambini siamo noi. La Scrittura parla di noi in molti modi; si serve di immagini diverse per designarci, colorando di mille toni la semplicità della fede. Si dice nel Vangelo: "Gesù si presentò sulla riva, disse ai discepoli - che pescavano - : "Figlioli, non avete nulla da mangiare?" (Gv 21,4-5) Erano i suoi discepoli che chiamava figlioli. "Gli presentavano dei bambini perché li accarezzasse, ma i discepoli li sgridavano. Gesù, al vedere questo, s'indignò e disse loro: "Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perché a chi è come loro appartiene il regno di Dio". Il Signore stesso spiega il senso di queste parole dicendo: "Se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli" (Mt 18,3). Ciò non indica la rigenerazione, ma ci propone di imitare la semplicità dei bambini... Si possono veramente chiamare bambini coloro che non conoscono che Dio loro Padre, dei neo-nati, semplici e puri... Sono persone cresciute alla scuola del Verbo, che egli invita a distaccarsi dalle preoccupazioni di quaggiù per ascoltare solo il Padre, imitando i bambini. Perciò dice loro: "Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena" (Mt 6,34). Ecco come ci esorta a liberarci dai problemi di quaggiù per attaccarci solo al Padre. Chi pratica questo comando è veramente un neo-nato, un bambino per Dio e per il mondo, poiché il mondo lo considera uno che non sa nulla e Dio oggetto di tenerezza.     

San Nicolò in Cazzola

Close

Le origini medioevali della chiesa di Cazzola sono ancora visibili nella struttura architettonica della parte absidale esterna, a conci regolari e con archetti ciechi a decoro della fascia terminale. Le prime testimonianze inerenti la presenza di un edificio sacro risalgono al 1230. La chiesa è infatti  ricordata tra le cappelle del pievato di Traversetolo nel Capitulum Decimarum Omnium Ecclesiarum del 1230. Ancora nelle decime del 1299 viene...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Il Vangelo di Luca
15 novembre, venerdì, ore 20.45 Leggi

Appuntamenti Associazioni, Movimenti, Parrocchie... : Ricordando Onelia Ravasini
15 novembre 2019, venerdì ore: 20:45 Leggi

Appuntamenti Associazioni, Movimenti, Parrocchie... : Esercizi spirituali per presbiteri
15 novembre 2019, venerdì ore: 08:00 Leggi

Agenda del Vescovo : Giornata dei poveri
15 novembre 2019, venerdì ore: 18:30 Leggi

Appuntamenti diocesani : Giornata mondiale dei poveri...
15 novembre 2019, venerdì ore: 08:00 Leggi