S. Ġorġ (Giorgio) Preca, 1° santo maltese (1880-1962)

maggio 09 , 2019
S. Ġorġ (Giorgio) Preca

San Ġorġ (Giorgio) Preca

Sacerdote Diocesano, Fondatore :

"Societas Doctrinae Christianae (Museum)"

 

Ġ

orġ (Giorgio) Preca nasce il 12 febbraio 1880 a La Valletta (Malta), settimo di nove fratelli, da Vincenzo e Natalina Ceravolo, profondamente cristiani. Il 17 febbraio venne battezzato nella Chiesa Parrocchiale della B.M.V. del Porto Salvo a La Valletta.

Nel 1888 la famiglia Preca si trasferì nella città commerciale di Ħamrun poco distante da La Valletta. Nella Chiesa Parrocchiale di Ħamrun il giovane Giorgio ricevette la Cresima e la Prima Comunione. Dopo il liceo classico passò al Seminario di Malta dove studiò Teologia, intento a diventare sacerdote.

 

Alcune settimane prima della sua ordinazione sacerdotale, Giorgio si ammalava seriamente e il suo medico perdeva ogni speranza nella guarigione. Tuttavia, si riprese e ricevette l'ordinazione sacerdotale il 22 dicembre 1906. In seguito, ha attribuito la sua guarigione all'intercessione di S. Giuseppe.

 

Nei primi mesi del 1907 raccolse attorno a sé e formò un piccolo gruppo di giovani ventenni. Iniziò così la "Societas Doctrinae Christianae" detta comunemente "Museum", lettere iniziali di «Magister, utinam sequatur evangelium universus mundus» («Maestro, che l'intero mondo segua il Vangelo»), opera dedicata all'educazione religiosa dei bambini e dei giovani.

 

Negli anni 1914-1915 apparvero su alcuni giornali Maltesi degli articoli infamanti e disprezzanti sulla società del "Museum"  ma don Giorgio impose ai membri il voto della mansuetudine e insegnava loro di subire il disprezzo del mondo con serenità.

Nel 1916 il Vescovo di Malta ordinò una inchiesta sull'operato della società che ebbe un esito favorevole al Preca. Furono imposti alcuni cambiamenti, ma la via per il riconoscimento e lo sviluppo della società era pienamente aperta. Il decreto di erezione canonica porta la data del 12 aprile 1932.

 

Il fondatore della SDC si prodigò come apostolo del vangelo nelle isole di Malta. Scrisse in Maltese numerosissimi libretti di dottrina dogmatica e morale nonché ascetica. Ma l'influsso più sentito del suo lavoro era nella divulgazione della Parola di Dio, tradotta in Maltese, presentata in brevi stralci facili a memorizzare o in libretti di meditazione, ma comunque sempre oggetto della fervida predicazione di don Giorgio e dei suoi seguaci. Era consigliere noto per la sua prudenza e per la sua saggezza. Molta gente accorreva da lui per una parola di conforto e di incoraggiamento.

 

Nel momento difficile della prova don Giorgio decise di affidarsi completamente alla protezione della Vergine. Infatti il 21 luglio 1918 si iscrisse nel Terz'Ordine Carmelitano, scegliendo, con la professione del 26 settembre 1919, il nome di Fra Franco; per la sua grande devozione alla Madonna del Carmine voleva che tutti i soci e i fanciulli che frequentavano le sezioni del "Museum" portassero lo scapolare del Carmelo.

Ebbe una devozione particolare alla Madonna del Buon Consiglio e propagava con insistenza la medaglia miracolosa. Nel 1957 suggerì cinque nuovi misteri per il Santo Rosario che chiamò “Misteri della Luce”.

 

Dopo una lunga vita di totale dedizione all'apostolato, don Giorgio è deceduto a Santa Venera (Malta) il 26 luglio 1962, all'età di 82 anni. Le sue spoglie mortali vengono conservate nei pressi della Casa Madre della Società a Blata l-Bajda.

Pochi mesi dopo si aprì il Concilio Vaticano II che diede impulso pastorale a quanto don Giorgio aveva anticipato e praticato: l'apostolato dei laici, l'insegnamento della Bibbia e l'uso della lingua popolare per rendere accessibile a tutti la letteratura spirituale.

 

Attualmente la "Societas Doctrinae Christianae" ha centri in Australia, Sudan, Kenya, Inghilterra, Albania e Perù. La Società lavora nel grembo della Chiesa tramite il catechismo con i bambini, i giovani e gli adulti. Inoltre la tipografia della SDC, la "Veritas Press" pubblica, regolarmente, materiale su temi spirituali oltre a mandare avanti un certo numero di scuole e collegi.

 

Don Ġorġ Preca è stato beatificato a Malta, da San Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005), il 9 maggio 2001, giorno scelto anche per la memoria liturgica.

Papa Benedetto XVI (Joseph Ratinger, 2005-2013) lo ha canonizzato nel corso di una celebrazione tenutasi, il 3 giugno 2007, in Piazza S. Pietro.

 

Per approfondimenti:

>>> Biografia

 

Significato del nome Giorgio : "agricoltore" (greco).

©Evangelizo.org

Il giorno della Liberazione

Close

La pace giunse solo il 25 aprile del 1945, dopo due anni terribili di paure e sofferenze. Il giorno della Liberazione, raccontato da Mons. Varesi, nella sua Cronaca: “25 aprile. La notte, che si presentava agitata, è invece trascorsa tranquilla. Di buon mattino si odono i canti dei gruppi di partigiani che si avviano alla volta di Parma. Improvvisamente alle 6.30 si sparge la voce dell’arrivo di brasiliani e sudafricani: da prima molti rimangono dubitanti,...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Agenda del Vescovo : Ufficio pastorale familiare della Cei
18 luglio 2019, giovedì ore: Leggi

Appuntamenti diocesani : Campo estivo AC giovanissimi (3ª media –1ª superiore) 2019
18 luglio 2019, giovedì ore: Leggi

Appuntamenti diocesani : Campo estivo ACR (1ª- 2ª media) 2019
19 luglio 2019, venerdì ore: Leggi

Agenda del Vescovo : Messa ai piedi della croce
20 luglio 2019, sabato ore: 11:00 Leggi

Appuntamenti diocesani : Campo estivo AC giovani (2ª-4ª superiore) 2019
20 luglio 2019, sabato ore: Leggi