B. Nicola da Gèsturi, religioso O.F.M. Cap. (1882-1958)

giugno 08 , 2019
B. Nicola da Gèsturi

Beato Nicola da Gèsturi

Religioso O.F.M. Cap.

"Frate Silenzio"

 

N

icola, al secolo Giovanni Angelo Salvatore Medda, nasce il 4 agosto 1882 a Gèsturi (Oristano, Sardegna) sesto dei sette figli di Giovanni e Priama Cogoni Zedda, di umili condizioni sociali ma onesti e religiosi.

A quattro anni nel 1886, secondo le usanze del tempo, ricevette la Cresima; nella famiglia entrò ben presto il lutto e la miseria, Giovanni aveva appena cinque anni quando morì il padre e tredici anni quando morì la madre.Il ragazzo, allora, venne affidato al suocero di sua sorella Rita, il benestante padrone lo tenne come servo, senza paga alcuna e ricevendo solo alloggio e sostentamento, Giovanni trascorreva le sue giornate tra il lavoro dei campi e il custodire il bestiame.Morto il suo padrone, passò stabilmente in casa della sorella, sempre come servitore puntuale ed onesto; dopo le prime classi elementari iniziò la vita del contadino.

 

A 14 anni, il 18 dicembre 1896, Giovanni  ricevette la Prima Comunione e da allora prese a vivere tutto teso verso la virtù e la santificazione.

Anche dal cognato per il quale lavorava, non volle ricompensa in denaro, accontentandosi del poco vitto e dell’alloggio in un bugigattolo. La mortificazione in cui viveva fu lo stimolo ad aspirare alla vita sacerdotale, ma la povertà era un’ostacolo insormontabile.

 

Nel mese di marzo 1911, a 29 anni, entra come terziario nel convento cappuccino di Cagliari.

Il 30 ottobre 1913 veste l'abito cappuccino e cambia il suo nome con quello di fra Nicola; dopo otto mesi, il 13 giugno 1914, va a Sanluri a continuare il noviziato.

Il 1° novembre del 1914 emette la professione semplice; il 16 febbraio 1919 fa la professione solenne dei voti. Successivamente va al convento di Sassari come cuciniere, poi a Oristano e a Sanluri; era sempre addetto alla cucina, anche se non suscitava la soddisfazione dei confratelli.

Il 25 gennaio 1924 viene inviato al convento maggiore di Buoncammino in Cagliari, dove resta fino alla morte come questuante.

 

Dopo i primi tempi, fra Nicola da Gesturi non chiese più nulla, perché i cagliaritani avevano compreso che quel silenzioso umile frate era una persona eccezionale e le offerte in denaro o in natura, venivano date spontaneamente.

Man mano che gli anni passavano la sua figura divenne sempre più popolare per Cagliari e paesi vicini; molti lo avvicinavano per chiedere consigli, domandavano preghiere, lo invitavano ad entrare in casa e negli ospedali, per dare conforto agli ammalati; si verificarono guarigioni improvvise e aumentò così la sua fama. Era diventato l’amico e il confidente di tutti e fermato in continuazione, per cui non riusciva più a coprire l’intero territorio, che di solito prima percorreva in un giorno. La sua era diventata ormai una “presenza” indispensabile; ascoltava tutti ma i privilegiati erano i poveri che visitava anche nelle loro misere case.

 

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la città di Cagliari divenne una delle più bombardate d’Italia, tutti quelli che potevano se ne allontanavano, anche i frati del convento di S. Antonio furono trasferiti altrove, meno quattro fra i quali il Superiore e frate Nicola che non volle allontanarsi; tolta la clausura al convento, furono accolti sfollati e persone rimaste sole, curate e sfamate, e fra Nicola da Gèsturi si faceva in quattro per aiutare e consolare tutti.

Ma la sua benemerita opera non fu circoscritta al convento, andò a soccorrere la folla di miserabili e cenciosi che si erano rifugiati nelle tante grotte sparse per la città; come dopo ogni bombardamento egli accorreva sui luoghi disastrati per portare aiuto ai feriti, consolare i danneggiati, seppellire i morti : per i cittadini di Cagliari egli assunse la figura silenziosa di una visione.

 

Il silenzio fu la sua costante caratteristica, sia quando riceveva che quando dava, lo interrompeva soltanto per ricordare la volontà di Dio.

Il 1° giugno 1958, stremato nel fisico, si presentò al Padre Guardiano e gli disse: “Padre non ne posso più” e chiese di essere esonerato dalla questua. Il Superiore intuì subito che frate Nicola si avvicinava alla fine; il giorno dopo fu ricoverato in clinica e operato d’urgenza.

Ma tutto fu inutile, dopo quattro giorni, dopo aver ricevuto l’unzione degli infermi e il Viatico, si spense serenamente alle ore 0,15 dell'8 giugno 1958, a 76 anni.

La fama della sua santità era grande e i funerali videro l’imponente partecipazione del popolo; decine di migliaia di persone, di ogni ceto sociale, resero omaggio alla sua salma e i funerali del giorno 10 furono un’apoteosi.

Il 6 ottobre 1966 ha inizio il processo ordinario-informativo a Cagliari, concluso il 20 dicembre 1971. Negli anni 1978-1982 viene istruito il Processo cognizionale; il 2 giugno 1980 le sue spoglie vengono trasportate dal cimitero alla chiesa del convento. Il 25 giugno 1996 viene riconosciuta l'eroicità delle sue virtú. Il 3 ottobre 1999 San Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005) lo ha elevato agli onori dell'altare.  

Per approfondimenti: >>> Nicola da Gesturi (1882-1958)

©Evangelizo.org

Maggio nella Storia di Traversetolo

Close

Il 4 maggio 1801 moriva a Traversetolo Don Antonio Maria Monti; nel libro dei morti si legge la causa del decesso: gravi putrido morbo corruptus. Parroco a Traversetolo dal 31 gennaio 1778, prese possesso della parrocchia il 24 febbraio dello stesso anno in sostituzione del defunto Don Pietro Carpi. Il suo rapporto col paese non fu sempre facile a causa dei dissidi insorti coi Massari delle Confraternite a suo avviso non onesti nella gestione dei bilanci. Ebbe tuttavia la...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Agenda del Vescovo : Ufficio pastorale familiare della Cei
18 luglio 2019, giovedì ore: Leggi

Appuntamenti diocesani : Campo estivo AC giovanissimi (3ª media –1ª superiore) 2019
18 luglio 2019, giovedì ore: Leggi

Appuntamenti diocesani : Campo estivo ACR (1ª- 2ª media) 2019
19 luglio 2019, venerdì ore: Leggi

Agenda del Vescovo : Messa ai piedi della croce
20 luglio 2019, sabato ore: 11:00 Leggi

Appuntamenti diocesani : Campo estivo AC giovani (2ª-4ª superiore) 2019
20 luglio 2019, sabato ore: Leggi