S. Giuseppe Cafasso, sacerdote (1811-1860)

giugno 23 , 2019
S. Giuseppe Cafasso

San Giuseppe Cafasso

Sacerdote

 

G

iuseppe Cafasso nasce a Castelnuovo d’Asti il 15 gennaio 1811 (4 anni prima del compaesano Giovanni Bosco).

Figlio di piccoli proprietari terrieri, è il terzo di quattro figli, di cui l’ultima, Marianna, sarà la madre del beato don Giuseppe Allamano. Fin da giovanissimo era stimato dalla famiglia e dall’intero paese come un piccolo santo.

Frequentò le scuole pubbliche del suo paese prima di entrare in seminario; era difficile prevedere un futuro di oratore: a scuola andava abbastanza male, ed inoltre il suo parlare era sommesso.

 

Compie gli studi teologici presso il seminario di Chieri e nel 1833 viene ordinato presbitero. Quattro mesi dopo si stabilisce al Convitto Ecclesiastico del teologo Luigi Guala per perfezionare la sua formazione sacerdotale e pastorale. Vi resterà tutta la vita: prima come insegnante, poi come direttore spirituale ed infine come rettore.

Al Convitto si respirano la spiritualità di S. Ignazio e gli orientamenti teologici e pastorali di S. Alfonso Maria de’ Liguori. L’insegnamento viene curato con grande attenzione e si mira a formare buoni confessori e abili predicatori. Nonostante la mancanza di una voce tonante venne chiamato a predicare. Il suo aspetto era gracile, la sua colonna vertebrale deviata lo faceva apparire gobbo.Alcuni notabili gli proposero anche di candidarsi alla Camera ma don Cafasso rinunciò rispondendo : “Nel dì del Giudizio il Signore mi chiederà se avrò fatto il buon prete, non il deputato”.

 

Giuseppe studia e approfondisce la spiritualità di S. Francesco di Sales, che poi trasmetterà soprattutto ad uno studente: Giovanni Bosco. Il Cafasso, suo direttore spirituale dal 1841 al 1860, ha contribuito a formare e indirizzare la personalità e la spiritualità di don Bosco.

Tipica del suo insegnamento è la valorizzazione del dovere quotidiano in ordine alla santità. Come ebbe a testimoniare lo stesso fondatore dei salesiani: “La virtù straordinaria del Cafasso fu quella di praticare costantemente e con fedeltà meravigliosa le virtù ordinarie”.

 

Sempre attento alle necessità degli ultimi, visitava e sosteneva, anche economicamente, i più poveri, portando loro la consolazione derivante dal suo ministero sacerdotale. Il suo apostolato consisteva anche nell’accompagnamento spirituale dei carcerati e dei condannati a morte, tanto da essere definito il "prete dei carcerati".

Prudente e riservato, maestro di spirito, fu direttore spirituale di preti, laici, politici, fondatori; diceva sempre : “Non basterà un'eternità per ringraziare Dio di averci chiamati al suo servizio!”  Don Cafasso sostenne anche materialmente don Bosco e la Congregazione salesiana fin dalle sue origini.

Dopo una breve malattia morì all’età di appena 49 anni il 23 giugno del 1860.

 

Giuseppe Cafasso fu beatificato nel 1925 da Pp Pio XI (Ambrogio Damiano Achille Ratti, 1922-1939) che lo definì la “perla del clero italiano” e canonizzato nel 1947 dal Venerabile Pio XII (Eugenio Pacelli, 1939-1958) che lo proclamò patrono dei carcerati e dei condannati alla pena capitale, perché in vita aveva fatto delle carceri il luogo preferito per l'esercizio dell'apostolato sacerdotale.

 

Papa Pio XII lo riconobbe un “modello di vita sacerdotale, padre dei poveri, consolatore degli infermi, sollievo dei carcerati, salute dei condannati al patibolo”.

Lo stesso Papa, nell’enciclica “Menti Nostrae” del 23 settembre 1950, lo propose come modello di sacerdote :

« Si modellino su San Giuseppe Cafasso. Noi che, non sono ancor molti anni, con intima soddisfazione dell'animo Nostro abbiamo decretato gli onori degli altari al Sacerdote torinese Giuseppe Cafasso - il quale in tempi difficilissimi fu guida spirituale, sapiente e santa, di non pochi Sacerdoti, che fece progredire nella virtù, e di cui rese particolarmente fecondo il sacro ministero - nutriamo piena fiducia che anche per il suo valido patrocinio, il Divin Redentore susciti numerosi Sacerdoti di pari santità, i quali sappiano condurre se stessi ed i propri Confratelli a così eccelsa perfezione di vita che i fedeli, ammirando i loro esempi, si sentano spontaneamente mossi ad imitarli. » (fine seconda parte dell'enciclica).

 

Per approfondimenti, leggere la Catechesi di Papa Benedetto XVI: >>> San Giuseppe Cafasso [Francese, Inglese, Italiano, Portoghese, Spagnolo, Tedesco]

 

©Evangelizo.org

Nicolino che cercò la fortuna a Roma

Close

Qui si narra di Nicolino che cercò la fortuna a Roma, ma non fece ritorno Nicholino de Barillis o Nicolino Barilla, abitava fin dai primi anni del 1500 in Traversetolo dove aveva una casetta con un po’ di terra ed una moglie: Caterina de Longhi. Dal loro matrimonio erano nati tre figli: Antonio, Lazarina e Maria. Nel 1527, nell’anno del sacco di Roma, assieme ad altri traversetolesi, come erano soliti fare,...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Agenda del Vescovo : Pellegrinaggio in Terra Santa
17 settembre 2019, martedì ore: Leggi

Agenda del Vescovo : Consiglio presbiterale
18 settembre 2019, mercoledì ore: Leggi

Appuntamenti diocesani : Tenda della Parola...
18 settembre 2019, mercoledì ore: 21:00 Leggi

Appuntamenti diocesani : Consiglio Affari Economici...
18 settembre 2019, mercoledì ore: 15:00 Leggi

Appuntamenti diocesani : Consiglio Presbiterale...
18 settembre 2019, mercoledì ore: 09:30 Leggi