B. Antonio Pavoni, sacerdote O.P. e martire (1325-1374)

aprile 09 , 2020
B. Antonio Pavoni

Beato Antonio Pavoni

Sacerdote O.P. e martire

 

La città di Savigliano (CN) ebbe, nei secoli XIV-XV, un gruppo di suoi figli domenicani, che, con la loro qualifica d’inquisitori, diedero lustro alla città delle loro origini; essi furono i beati Antonio Pavoni, Pietro Cambiani, Bartolomeo Cerveri, tutti martiri, e il beato Aimone Taparelli.

 

A

ntonio Pavoni nasce, nel 1325, da una nobile famiglia. A 15 anni, invece di prepararsi per una professione redditizia, decise di farsi frate domenicano nel convento di Savigliano dove continuò a studiare; dieci anni più tardi fu ordinato sacerdote.

 

A 39 anni divenne "Inquisitore Generale" per la Lombardia, la Liguria e il Piemonte, succedendo a Pietro Cambiani. In un territorio come il Piemonte questa carica era molto importante: nelle valli alpine vivevano numerose comunità eretiche, e i loro rapporti con la Chiesa cattolica erano assai tesi.

In quell’epoca i Capitoli Generali domenicani richiedevano, per questo delicato ufficio una preparazione teologica e tomista, e un adeguato zelo per l’unità della Fede. Queste qualità non mancavano a padre Antonio Pavoni che ottenne non pochi successi, ma inevitabilmente si attirò contro i nemici della religione cattolica che più volte lo minacciaronodi morte; la posizione geografica di Savigliano, favoriva il rapporto con le valli di Pinerolo, centro dei seguaci della Chiesa Valdese.

Fu priore del convento per due volte nel 1368 e 1372. Nel 1374, il vescovo di Torino, Giovanni Orsini, gli affidò, per la quaresima, una predicazione nei paesi situati all’imbocco della Val Pellice; dopo aver visitato Campiglione, Bibiana e Fenile si recò per la Pasqua a Bricherasio. Nella successiva domenica in Albis 9 aprile, dopo aver celebrato la Messa e predicato in questa parrocchia, fu assalito da alcuni eretici nella piazza del paese e ucciso. Il suo corpo è conservato nella chiesa domenicana di Racconigi (CN).

 

Precursore dell’apostolato per l’unione dei fratelli separati, fu dichiarato martire nel 1375 da Pp Gregorio XI (Guillaume de Grimoald, 1362-1370) e proclamato Beato, con la conferma dell’antico culto, da Pp Pio IX  (Giuseppe Maria Mastai Ferretti, 1846-1878) il 4 dicembre 1856, fissando la sua festa per l’Ordine Domenicano e per le diocesi di Torino e Pinerolo al 9 aprile. L'Ordine Domenicano lo ricorda il 3 febbraio.

 

Il Beato Antonio Pavoni è particolarmente invocato per ritrovare gli oggetti smarriti.

 

Significato del nome Antonio : "nato prima" o "che fa fronte ai suoi avversari" (greco).

©Evangelizo.org

News dalla Santa Sede

Close

Le ultime news fornite dall'organismo ufficiale di comunicazione del Vaticano

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Sulla misura del cuore di Cristo
28 maggio, giovedì, ore 20.45 Leggi

Veglia di Pentecoste
30 maggio, sabato Leggi

Solennità di Pentecoste
31 maggio, domenica, ore 11.00 Leggi

Incontri di formazione comune
03 giugno, mercoledì, ore 18.00 Leggi

Incontri di formazione comune
04 giugno, giovedì, ore 18.00 Leggi