S. Filippo Benizi, sacerdote O.S.M. (1233-1285)

agosto 22 , 2022
S. Filippo Benizi, sacerdote O.S.M. (1233-1285)

San Filippo Benizi

Sacerdote O.S.M.

(Ordine dei Servi di Maria o Serviti)

 

F

ilippo Benizi nasce dai nobili Giacomo Benizi e Albaverde Frescobaldi, in via Guicciardini nel sestiere fiorentino d'Oltrarno, il 15 agosto 1233, lo stesso giorno in cui i Sette Santi Fondatori ebbero la visione della Madonna che li chiamava al suo servizio.

Filippo nelle intenzioni dei genitori doveva essere un medico, e perciò gli fu prima assegnato un buon tutore, poi venne mandato a Parigi (dove gli zii Frescobaldi avevano relazioni mercantili), e infine frequentò l'Università di Padova, laureandosi nel 1253.

 

Rientrato a Firenze, Filippo per qualche tempo esercitò effettivamente l'arte del medico, ma, insoddisfatto, nel 1254 entrò nei Servi di Maria a Monte Senario e prese i voti.

Venne ordinato sacerdote a Siena nel 1258 e assunse diversi incarichi di responsabilità nell'Ordine e la direzione di vari conventi.

 

Il 5 giugno 1267 venne eletto Priore generale dell'ordine Servita, di cui riformò gli statuti rendendolo definitivamente un ordine mendicante : collaborò con Giuliana Falconieri alla fondazione del terz'ordine femminile delle oblate servite (Mantellate), da cui ebbe poi origine il ramo femminile dell'ordine. Per sua opera, l'ordine ebbe rapida diffusione, soprattutto in Italia e Francia.

 

Nel 1268, morto papa Clemente IV (Guy Foulques, 1265-1268), ci sono i famosi tre anni di discussioni fra i cardinali a Viterbo prima di eleggere Gregorio X (Teobaldo Visconti, 1271-1276). Secondo una Legenda, a un certo punto, il suo nome circolò tra quelli dei papabili: giudicandosi indegno di tale onore, Filippo Benizi si sottrasse all'elezione rifugiandosi in una grotta a Bagni S. Filippo sul Monte Amiata. Di questo non c’è prova: ma che la voce sia corsa è un segno certo del suo prestigio ormai universale nella Chiesa.

 

Filippo intervenne, nel 1274, al II Concilio di Lione, che, in esecuzione di uno dei decreti del Concilio Lateranense IV che proibiva la fondazione di nuovi ordini, soppresse tutti gli ordini mendicanti non ancora approvati dalla Santa Sede: grazie alla sua insistenza, l'Ordine venne ristabilito da Pp Giovanni XXI (Pietro di Giuliano, 1276-1277).

 

Fu incaricato da Pp Martino IV (Simon de Brion, 1281-1285) di predicare in varie città d'Italia la pace tra le fazioni guelfa e ghibellina, i cui scontri stavano insanguinando varie città: durante una delle sue missioni, ebbe modo a Forlì di convertire Pellegrino Laziosi, tra i capi di una delle fazioni in lotta, che in seguito all'incontro decise di entrare tra i serviti, divenendone poi il santo più venerato.

Altri miracoli gli vengono attribuiti in vita, ma il miracolo vero e continuato sono i numerosi santi e beati che si sono formati alla sua scuola e sul suo esempio, giorno per giorno. Filippo Benizi muore a Todi, in uno dei conventi più poveri dell’Ordine, il 22 agosto 1285, di ritorno da Roma.

 

Nell’Ordine si comincia subito a chiamarlo santo, ma a canonizzarlo solennemente sarà papa Clemente X (Emilio Altieri, 1670-1676) nel 1671.

 

Il corpo è custodito a Todi nel santuario a lui dedicato.

I Servi di Maria lo ricordano il 23 agosto.

 

Significato del nome Filippo : "che ama i cavalli" (greco).

©Evangelizo.org

1918: cento anni fa la “Spagnola” colpiva Traversetolo

Close

L'influenza spagnola, altrimenti conosciuta come la grande influenza o epidemia spagnola, fu una pandemia influenzale, insolitamente mortale, che fra il 1918 e il 1920 uccise decine di milioni di persone nel mondo. Essa arrivò ad infettare circa 500 milioni di persone in tutto il mondo provocandone il decesso di 50 - 100 milioni (dal tre al cinque per cento della popolazione mondiale dell'epoca). La letalità le valse la definizione di più grave forma di...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni