S. Lucia Filippini, vergine e fondatrice (1672-1732)

marzo 25 , 2022
S. Lucia Filippini, vergine e fondatrice (1672-1732)

Santa Lucia Filippini

Vergine, fondantrice :

“Maestre Pie”

 

L

ucia Filippini nasce il 13 gennaio 1672 a Tarquinia. I suoi genitori erano di onesta e onorata famiglia; ma la sua vita fu presto segnata dal dolore. I baci e le carezze materne, che si prodigano sempre generosamente attorno ad una culla, vennero presto a cessare, poiché, quando Lucia non contava che undici mesi e pochi giorni, veniva strappata alla terra la madre sua nella fresca età di 27 anni. Pochi anni dopo anche il padre moriva.

 

Lucia, da queste perdite così dolorose, prese motivo per staccarsi sempre più dalla terra, stringersi più fortemente a Dio e darsi all’acquisto delle più belle virtù. Modesta ugualmente nell'interno che all’esterno, scansava le amicizie delle compagne cattive che avvelenano coi loro vizi le anime innocenti e si guardava dalla vanità.

La bontà, il candore del suo cuore, il pungolo stesso della sventura, la spingevano a cercare la pace e la gioia solo con Dio. Tutto le parlava di Dio: il cielo, il mare, le campagne stesse di Tarquinia. Ancora in giovane età fece gran tesoro dell’apostolato catechistico: ed è a questa missione, in un quadro più grande, che la Divina Provvidenza l’ha chiamata.

 

A 16 anni ebbe il felicissimo incontro con il cardinale Marcantonio Barbarigo e, avuti da lui lumi e consigli, decise di entrare nel monastero di S. Chiara in Montefiascone. Questa fu la palestra dove si formò.

Illuminare le intelligenze e sollevare i cuori, era il suo nobile ideale. Prima nella cerchia ristretta del chiostro poi, con l’aiuto del cardinale Barbarigo, dietro le norme di Rosa Venerini (canonizzata da Pp Benedetto XVI il 15 ottobre 2006) e con la cooperazione di una piissima signora, realizzò il suo piano apostolico, dando origine al benefico e non mai abbastanza lodato ministero educativo delle suore che, dalla loro madre, si denominarono “Maestre Pie Filippine”. Presto venne a mancare Rosa Venerini, e Lucia sola continuò l’opera.

 

Aprì parecchie scuole a Montefiascone, estese gli istituti a Roma, su richiesta (1707) di Pp Clemente XI (Giovanni Francesco Albani, 1700-1721),  e in altri centri d’Italia, e ne costituì parecchi anche all’estero, particolarmente nell’America del Nord, dove tuttora lavorano con grande frutto.

Consunta dalle fatiche, ricca di meriti, spira dolcemente, a Montefiascone, il 25 marzo del 1732.

 

Papa Pio XI (Ambrogio Damiano Achille Ratti, 1922-1939) nel 1926 l’annoverò tra i Beati e, il 22 giugno 1930, l’iscrisse nel catalogo delle Sante Vergini.

 

Significato del nome Lucia : "luce, luminosa, splendente" (latino).

©Evangelizo.org

La tradizione del lavoro femminile per beneficenza

Close

Oggi a Traversetolo l’Oratorio Parrocchiale di “Manodopera” o “delle Signore”, col proprio lavoro di cucito a scopo di beneficenza, non solo conferma l’intento al bene comune operato della parrocchia ma fornisce un sostegno quanto mai utile per le diverse necessità della comunità. Questa tradizione ha origine nel passato: furono le Figlie della Croce che, avendo tra le materie insegnate nel loro Collegio il ricamo, cucito, pittura ed...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di giugno
27, 29 e 30 giugno Leggi

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi