Interpretare i segni dei tempi: un tema importante del Concilio Vaticano II

San Giovanni XXIII (1881-1963), papa - Discorso di apertura del Concilio Vaticano II

ottobre 27 , 2017
Succede spesso che, nell'esercizio quotidiano del nostro ministero apostolico, i nostri orecchi siano offesi sapendo ciò che dicono alcuni che, pur infiammati da zelo religioso, mancano di finezza nel giudizio e di ponderatezza nel modo di vedere le cose. Nella situazione attuale della società, non vedono che rovina e calamità; sono soliti dire che la nostra epoca ha peggiorato rispetto ai secoli passati; si comportano come se la storia, che è maestra di vita, non avesse nulla da insegnare loro e come se nel tempo dei Concili di una volta, tutto fosse stato perfetto, riguardo alla dottrina cristiana, ai costumi e alla giusta libertà della Chiesa. Ci sembra necessario dire il nostro totale disaccordo con tali profeti di sventure, che annunciano sempre disastri, come se il mondo si avvicinasse al suo termine. Nel decorso attuale degli avvenimenti, mentre la società umana sembra ad una svolta, è meglio riconoscere i disegni misteriosi della Provvidenza divina che, attraverso la successione delle epoche e delle occupazioni degli uomini, contraddicendo ogni attesa, raggiungono il loro fine e dispongono ogni cosa con sapienza per il bene della Chiesa, persino grazie ad eventi contrari.    

Comunità in cammino

Close

Hai perso un numero del giornalino parrocchiale? Vuoi rileggere un articolo? Tutti le uscite disponibili per il download!

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Visita alle Famiglie
Martedì 7 Leggi

Visita alle Famiglie
Martedì 7 Leggi

Visita alle Famiglie
Mercoledì 8 Leggi

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi