La caratteristica dello Spirito Santo e dell'Avversario

San Teodoro Studita (759-826), monaco a Costantinopoli - Catechesi 39

ottobre 08 , 2021
Miei padri, fratelli, figli, senza sosta nel suo furore il nemico si avventa su di noi, ma senza sosta è scansato dalle potenze divine (...). Quando qualcuno gli fa spazio dopo aver respinto lo Spirito Santo e fa entrare lo straniero che gli insegna a fare e dire ciò che vuole, allora quello trova una preda. Ebbene, esaminiamo le caratteristiche delle due forze in azione e prestiamo attenzione, se volete, a quanto succede (...). Chi possiede lo Spirito Santo ha gioia, pace, longanimità, carità. Pronuncia parole più dolci di miele e cera, poiché "è dalla pienezza del cuore", dice il Signore, "che fioriscono" (cfr Mt 12,34; Gal 5,22), e diventano illuminazione e consolazione per chi le ricevono.. (...) Volete sapere le caratteristiche dell'avversario? (...) Cosa produce un cuore del genere se non rabbia, risentimento, maldicenza, rimprovero, infedeltà, animosità, odio e sufficienza, indocilità, contestazione e disobbedienza? Quest'anima, illuminazione, santificazione e pietà l'hanno abbandonata; abbassamento, compunzione e pazienza l'hanno disertata; gemiti, lacrime e lamenti vi si sono seccati (cfr Is 35,10; 51,11 LXX) (...); è dimenticata la gioia di beni che non si possono dire, né contemplare, né immaginare, quei beni che sono preparati per noi nel regno dei cieli. (...) Possa allontanarsi da voi tutto ciò che è detestabile e tutto ciò che è auspicabile arrivarvi in Cristo Gesù nostro Signore, a cui appartengono la gloria e la potenza col Padre e lo Spirito Santo, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen.     

Liturgia delle Ore

Close

Il sito della parrocchia come strumento di preghiera: la Liturgia delle Ore

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di giugno
27, 29 e 30 giugno Leggi

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi