La preghiera ha tre tappe. La prima è: incontrare Dio.

Le tre tappe della preghiera di Padre Andrea Gasparino

febbraio 17 , 2019

Se voi percorrete queste tre tappe, voi siete arrivati alla preghiera profonda.
Può succedere che voi non siate arrivati nemmeno alla prima tappa, quella di incontrare Dio.


1. Incontrare Dio da figlio
È necessaria una rinnovata scoperta del grande mezzo della preghiera. Nel documento "Novo Millennio Ineunte" Papa Giovanni Paolo II ha lanciato dei forti allarmi dicendo che: "è necessario imparare a pregare".
Perché lo ha detto? Poiché si prega poco, si prega male, tanti non pregano. Io sono rimasto scioccato, alcuni giorni fa, da un santo parroco che mi ha detto: "Io vedo che la mia gente dice preghiere, ma non sa parlare con il Signore; dice preghiere, ma non sa comunicare con il Signore ...".
Stamattina dicevo il Rosario. Al terzo mistero mi sono svegliato e mi sono detto: "Sei già al terzo mistero, ma hai parlato con la Madonna? Hai già detto 25 Ave Maria e non le hai ancora detto che Le vuoi bene, non hai ancora parlato con Lei!"
Noi diciamo preghiere, ma non sappiamo parlare con il Signore. Questo è tragico!
Nel Novo Millennio Ineunte il Papa scriveva: "...le nostre comunità cristiane devono diventare autentiche scuole di preghiera. Occorre che l'educazione alla preghiera diventi, in qualche modo, un punto qualificante di ogni programmazione Pastorale...".
Qual è il primo passo per imparare a pregare? Il primo passo è questo: VOLER VERAMENTE PREGARE, capire con chiarezza qual è l'essenza della preghiera, lottare per arrivare lì e prendere abitudini nuove, costanti e profonde di preghiera autentica. Perciò la prima cosa da fare è disimparare le cose sbagliate.
Una delle abitudini che abbiamo fin dall'infanzia è l'abitudine alla preghiera parolaia, l'abitudine alla preghiera vocale distratta. Essere distratti, di tanto in tanto, è normale. Ma essere abitualmente distratti non è normale. Pensate a certi Rosari, a certo salmeggiare distratto! S. Agostino ha scritto: " Dio preferisce l'abbaiare del cani al salmodiare distratto!" Noi non abbiamo sufficiente allenamento alla concentrazione. Don Divo Barsotti, grande mistico e maestro di preghiera dei nostri giorni, ha scritto: "Noi siamo abituati ad essere invasi e dominati da tutti i pensieri, mentre non siamo abituati a dominarli".
Questo è il grande male della vita spirituale: non siamo abituati al silenzio. È il silenzio che crea il clima di profondità della preghiera. È il silenzio che aiuta a prendere contatto con noi stessi. È il silenzio che apre all'ascolto. Il silenzio non è tacere. Il silenzio è per ascoltare. Dobbiamo amare il silenzio per amore della Parola. Il silenzio crea ordine, chiarezza, trasparenza.
Io dico ai giovani: "Se non arrivi alla preghiera di silenzio, non arriverai mai alla preghiera vera, perché non scenderai nella tua coscienza. Tu devi arrivare a stimare il silenzio, ad amare il silenzio, ad allenarti al silenzio...". Noi non ci alleniamo alla concentrazione. Se non ci si allena alla concentrazione, avremo una preghiera che non scende nel profondo del cuore. Io devo trovare il contatto interiore con Dio e ristabilire continuamente questo contatto.
La preghiera minaccia continuamente di scivolare nel puro monologo; deve invece diventare colloquio, deve diventare DIALOGO. Dal raccoglimento dipende tutto. Nessuna fatica è sprecata a questo scopo e anche se tutto il tempo della preghiera trascorre soltanto nel cercare il raccoglimento, sarebbe già ricca preghiera, perché raccogliersi significa essere svegli. E l'uomo, nella preghiera, deve essere sveglio, deve essere presente. La preghiera non è una delle tante occupazioni della giornata, è l'anima di tutta la giornata, perché il rapporto con Dio è l'anima di tutta la giornata e di tutte le azioni.

La preghiera non è un dovere, ma un bisogno, una necessità, un dono, una gioia, un riposo. Se non arrivo qui, non sono arrivato alla preghiera, non l'ho capita. Quando Gesù ha insegnato la preghiera, ha detto una cosa di straordinaria importanza: ".... quando pregate dite: Padre...".
Gesù ha spiegato che pregare è entrare in rapporto affettuoso con Dio, è diventare figli. Se non si entra in rapporto con Dio, non si prega. Il primo passo della preghiera è incontrare Dio, è entrare in rapporto affettuoso e filiale.
Questo è un punto su cui bisogna lottare con tutte le forze, perché è qui che si gioca la preghiera.

Gruppo di preghiera “il chicco”

Liturgia del giorno

Close

Le letture del giorno secondo il calendario liturgico.

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Appuntamenti Associazioni, Movimenti, Parrocchie... : Messa con i Templari
17 luglio 2019, mercoledì ore: 17:30 Leggi

Agenda del Vescovo : Ufficio pastorale familiare della Cei
17 luglio 2019, mercoledì ore: Leggi

Agenda del Vescovo : Monastero carmelitano
17 luglio 2019, mercoledì ore: 17:00 Leggi

Appuntamenti diocesani : Campo estivo AC giovanissimi (3ª media –1ª superiore) 2019
17 luglio 2019, mercoledì ore: Leggi

Appuntamenti diocesani : Compleanno del Vescovo
18 luglio 2019, giovedì ore: Leggi