«La promessa fatta ai nostri padri»

Un’omelia greca del IV secolo - A torto attribuita a San Gregorio Taumaturgo, n. 2; PG 10,1156 ( Luc commenté, DDB 1987, trad ital.)

dicembre 22 , 2020
Allora Maria disse: «"L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore... Ha soccorso Israele, suo figlio (Lc 1,54, greco), ricordandosi della sua misericordia, come aveva promesso ai nostri padri, ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre". Guardate come Maria Vergine perfeziona e conferma il patto che Dio aveva fatto con Abramo dicendogli: «Ciò sarà il segno dell'alleanza tra me e voi» (Gen 17,11). (...) E' il canto di questa profezia che la santa Madre di Dio rivolge a Lui esclamando: «L'anima mia magnifica il Signore (...), perché grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente e Santo è il suo nome. Mi ha fatta madre di Dio, conservando la mia verginità. Tutte le generazioni sono ricapitolate nel mio seno per esservi santificate. Poiché Egli ha benedetto in me tutte le età , gli uomini, le donne, i giovani, i bambini, gli anziani»- (...) «Ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili» (...). Gli umili, i popoli pagani che erano affamati di giustizia (Mt 5,6) sono stati esaltati. Facendosi umili e desiderosi di ricevere la parola di Dio, come la cananea che si accontenta delle briciole (Mt 15,27), sono stati saziati delle ricchezze dei divini misteri. Poiché nostro Signore Gesù Cristo, figlio di Maria Vergine, ha voluto elargire ai pagani tutti i suoi doni divini. «Ha soccorso Israele, suo figlio», non un qualunque Israele, ma suo figlio, di cui riconosce la condizione elevata. Ecco perché la Madre di Dio chiama questo popolo suo figlio e sua eredità. Dio chiama a partecipare alla grazia questa gente sfinita dalla lettera, estenuata dalla Legge. Dando questo nome a Israele, lo soccorre «ricordandosi della sua misericordia, come aveva promesso ai nostri padri, ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre». Queste semplici parole riassumono tutto il mistero della salvezza. Per salvare l'umanità e sigillare il patto fatto coi nostri padri, Gesù Cristo «Abbassò i cieli e discese» (Sal 18,10). E così si è manifestato a noi, mettendosi alla nostra portata, perché noi potessimo vederlo, toccarlo, sentirlo parlare.    

News dalla Santa Sede

Close

Le ultime news fornite dall'organismo ufficiale di comunicazione del Vaticano

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi