"Li rimproverò per la loro incredulità"

San Giovanni della Croce (1542-1591), carmelitano, dottore della Chiesa - Salita al Monte Carmelo, 3,31

aprile 22 , 2017
Dove c'è abbondanza di segni e testimonianze, c'è meno merito a credere... Ecco perché Dio non fa opere meravigliose che quando esse sono assolutamente necessarie per far credere gli uomini. Per questo motivo e affinché i discepoli non fossero privi del merito della fede se avessero fatto essi stessi l'esperienza della sua resurrezione, ha disposto le cose perché credessero senza vederlo, prima di apparir loro. A Maria Maddalena ha mostrato prima la tomba vuota; dopo ha fatto sì che gli angeli le spiegassero, poiché "la fede dipende dalla predicazione" come dice S. Paolo (Rm 10,17). Così ha voluto ch'ella credesse per l'ascolto e prima di vederlo; quando l'ha visto, era sotto forma di giardiniere, per portare a compimento in lei la comprensione nella fede. Ai discepoli ha inviato dapprima le sante donne per dir loro che era risorto. Ai discepoli di Emmaus ha infiammato dapprima il cuore con la fede prima di svelarsi a loro. Infine ha ripreso tutti i discepoli per non aver creduto. Quanto a Tommaso, che aveva voluto toccare le sue piaghe, gli ha detto: "Beati quelli che pur non avendo visto crederanno!"    

News dalla Santa Sede

Close

Le ultime news fornite dall'organismo ufficiale di comunicazione del Vaticano

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Agenda del Vescovo : Messa a Santa Maria del Piano
21 settembre 2019, sabato ore: 08:00 Leggi

Appuntamenti diocesani : Come sigillo sul cuore
21 settembre 2019, sabato ore: 17:00 Leggi

Porte aperte
22 settembre, domenica, dalle ore 10.00 Leggi

Incontro di preghiera del gruppo mariano "il chicco"
22 settembre, domenica, ore 15.30 Leggi

Agenda del Vescovo : Incontro con i cresimandi
22 settembre 2019, domenica ore: 16:00 Leggi