L'unica cosa necessaria

Santa Elisabetta della Trinità (1880-1906), carmelitana - La grandezza della nostra vocazione, n. 8

luglio 21 , 2019
Occorre prendere coscienza che Dio è nel più intimo di noi stessi e con Lui fare tutto; allora non si è mai banali, facendo anche le azioni più ordinarie, poiché non si vive di quelle cose, le si supera! Un'anima soprannaturale non tratta mai con cause seconde ma con Dio solo. Oh! Come è semplificata la sua vita, come si avvicina alla vita degli spiriti beati, come è liberata da se stessa e da ogni cosa! Tutto per lei si riduce all'unità, quell'"unica cosa di cui c'è bisogno" di cui il Maestro parlava alla Maddalena. Allora ella è veramente grande, veramente libera, perché ha "chiuso la sua volontà in quella di Dio".    

In punto di morte...

Close

La fine della vita spaventa, non dovrebbe essere così per un cristiano, ma pur con tutta la fede, qualche timore persiste. Qualche secolo fa era assai peggio: non spaventava tanto la morte in sé quanto il giudizio di Dio che, secondo le predicazioni d’allora, non era per nulla tollerante e le porte dell’inferno si aprivano più spesso di quelle del paradiso. Grande preoccupazione dei parroci era quindi quella di riuscire a salvare il maggior numero di...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Colletta Alimentare
26 novembre, sabato Leggi

Gruppo Manodopera
27 novembre, domenica Leggi

Harvey
03 dicembre 2022, sabato, ore 21:00 Leggi