Mediante la fede, ricevere la guarigione e entrare nella vera vita

Sant'Ambrogio (ca 340-397), vescovo di Milano e dottore della Chiesa - Trattato sui misteri, 16-21

settembre 02 , 2019
Naaman era Siro, aveva la lebbra e nessuno poteva mondarlo... Si recò in Israele e Eliseo gli ordinò di immergersi sette volte nel fiume Giordano. Allora Naaman cominciò a pensare che i fiumi della sua patria avevano acque migliori nelle quali si era immerso spesse volte, ma senza venire mai mondato dalla lebbra... Tuttavia si immerse. Mondato subito, egli comprese che l'essere mondato istantaneamente non è opera dell'acqua, ma della grazia... Ti è stato detto [nel tuo battesimo] di non credere solo a ciò che vedi perché non abbia a dire: È forse questo quel grande mistero che «occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrò in cuore d'uomo?» (1 Cor 2,9). Vedo le acque che vedevo ogni giorno; queste acque nelle quali spesso mi sono immerso senza mondarmi, sono proprio loro che devono mondarmi? Da questo impara che l'acqua non monda senza lo Spirito. Per questo tu hai letto che nel battesimo «tre testimoni sono concordi: l'acqua, il sangue e lo Spirito» (1 Gv 5,7-8), perché se di esse ne togli uno solo, non c'è più il sacramento del battesimo. Di fatto, che cos'è l'acqua senza la croce di Cristo se non una cosa ordinaria senza nessuna efficacia sacramentale? D'altra parte, senz'acqua non vi è mistero di rigenerazione, perché «se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio» (Gv 3,5). Anche un catecumeno crede nella croce del Signore Gesù con la quale è segnato lui pure; ma se non sarà stato battezzato nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, non può ricevere la remissione dei peccati e neppure attingere il dono della grazia spirituale. Perciò quel Siro si immerse nell'acqua sette volte sotto la Legge, ma tu sei stato battezzato nel nome della Trinità. Hai confessato il Padre, hai confessato il Figlio, hai confessato lo Spirito. Segui l'ordine delle cose. In questa fede sei morto al mondo, sei risorto a Dio.    

Hakuna Matata

Close

Ma cosa significa Hakuna Matata?“Senza pensieri la tua vita sarà, Hakuna Matataaaa!”. E’ la più famosa canzone del grande film della Disney “Il Re Leone”. L’espressione deriva dallo swahili, una lingua bantu molto diffusa nelle regioni dell’Africa centrale, orientale e meridionale. Generalmente, in italiano viene tradotta con un semplice “senza pensieri“. In realtà, Hakuna Matata rappresenta una...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di giugno
27, 29 e 30 giugno Leggi

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi