"Mio Signore e mio Dio"

San Tommaso di Villanova (v. 1487-1555), eremita di Sant'Agostino, poi vescovo - Omelia per la domenica in Albis

aprile 23 , 2017
"Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò". Una durezza sorprendente in questo discepolo: non bastano a dargli la fede la testimonianza di tanti fratelli e vedere la loro gioia. Ed è per la preoccupazione della fede che il Signore appare loro. Il buon Pastore non sopporta perdere una sola delle sue pecore (Mt 18,12), lui che aveva detto al Padre: "Coloro che mi hai dato li ho custoditi; nessuno di loro è andato perduto" (Gv 17,12). Ogni sollecitudine e ogni impegno sono poca cosa di fronte al valore di una sola anima... "Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato; e non essere più incredulo ma credente!" Beata mano che ha scrutato i segreti del cuore di Cristo! Quali ricchezze non vi avrà trovate? E' riposando su quel cuore che Giovanni ha penetrato i misteri del cielo (Gv 13,25); scrutandolo Tommaso vi scopre grandi tesori: scuola ammirabile che forma tali discepoli! Grazie a lei, il primo ha espresso meraviglie più elevate degli astri sulla divinità, quando dice: "In principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio" (Gv 1,1) e l'altro, toccato dalla luce della Verità, ha lanciato quel grido sublime: "Mio Signore e mio Dio!"    

Liturgia delle Ore

Close

Il sito della parrocchia come strumento di preghiera: la Liturgia delle Ore

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi

Visita alle Famiglie
Mercoledì 15 Leggi

Visita alle Famiglie
Mercoledì 15 Leggi

Visita alle Famiglie
Venerdì 17 Leggi