"Molti profeti e re hanno desiderato vedere ciò che voi vedete"

Beato Guerrico d'Igny (ca 1080-1157), abate cistercense - 2° discorso per l'Avvento (SC 166,p. 109)

dicembre 05 , 2017
Vieni, Signore, "salvami e io sarò salvato"! (Ger 17,14) Vieni, "fà splendere il tuo volto e noi saremo salvi" (Sal 80,4). Te abbiamo atteso; "sii il nostro braccio ogni mattina, nostra salvezza nel tempo dell'angoscia" (Is 33,2). Così i profeti e i giusti andavano incontro a Cristo con tale desiderio, tale slancio d'amore, che avrebbero voluto, possibilmente, vedere con gli occhi quanto già vedevano con lo spirito. Ecco perché il Signore diceva ai discepoli: "Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Vi dico che molti profeti e re hanno desiderato vedere ciò che voi vedete, ma non lo videro". Anche Abramo, nostro padre, "esultò nella speranza di vedere il giorno" del Cristo; "lo vide", ma nel soggiorno dei morti, "e se ne rallegrò" (Gv 8,56). C'è abbastanza per farci arrossire della tiepidezza e durezz del nostro cuore, se non aspettiamo nella gioia spirituale l'anniversaio del giorno della nascita di Cristo che ci promette di vedere presto, piaccia a Dio. Infatti la Scrittura sembra esigere da noi una gioia così grande che lo spirito, elevandosi oltre se stesso, bruci d'ardore per slanciarsi incontro a Cristo che viene e, spinto dal desiderio, insofferente a qualsiasi ritardo, si affretti a vedere già quanto accadrà.    

La Sacra Bibbia

Close

Leggi la Bibbia online, direttamente sul sito della tua parrocchia

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi

Visita alle Famiglie
Mercoledì 15 Leggi

Visita alle Famiglie
Mercoledì 15 Leggi

Visita alle Famiglie
Venerdì 17 Leggi