"Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici" (Gv 15,13)

Sant'Agostino (354-430), vescovo d'Ippona (Africa del Nord) e dottore della Chiesa - Discorso 305, 4° per la festa di San Lorenzo

marzo 18 , 2018
La vostra fede riconosce chi è il chicco di grano caduto in terra che muore prima di portare molto frutto; abita nella vostra anima; non c'è cristiano che dubiti che Cristo ha parlato di se stesso... Ascoltatemi, chicchi di grano sacri che siete qui, non ho alcun dubbio..., o piuttosto ascoltate per mezzo mio il primo chicco di grano, che vi dice: non amate la vostra vita in questo mondo; non l'amate se l'amate veramente, perché è non amandola che la salverete... "Chi ama la propria vita quaggiù la perderà". E' il chicco caduto in terra che parla così, colui che è morto per portare molto frutto. Ascoltatelo, perché ciò che ha detto, l'ha fatto. Ci insegna e ci mostra la strada col suo esempio. Cristo, infatti, non ha tenuto alla sua vita in questo mondo, è venuto per perderla, darla per noi, e per riprenderla quando lo voleva...: "Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo" (Gv 10,18). Allora come è possibile che, con tale potenza divina, abbia potuto dire: "Ora l'anima mia è turbata"? Come, con tale potenza, questo Uomo-Dio è turbato, se non perché porta l'immagine della nostra debolezza? Quando dice: "ho il potere di offrire la mia vita e il potere di riprenderla di nuovo", Cristo manifesta chi è in se stesso. Ma quando è turbato all'approssimarsi della morte, Cristo manifesta chi è in te.    

Liturgia del giorno

Close

Le letture del giorno secondo il calendario liturgico.

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

San Lorenzo
10 agosto, mercoledì, ore 21.00 Leggi