"Non è piuttosto questo il digiuno che voglio?... Non consiste forse nel dividere il pane con l'affamato?" (Is 58,6-7)

San Pietro Crisologo (ca 406-450), vescovo di Ravenna, dottore della Chiesa - Discorsi, 43, sulla preghiera, il digiuno e l'elemosina; PL 52, 320

febbraio 16 , 2018
Chi digiuna comprenda bene cosa significhi per gli altri non aver da mangiare. Ascolti chi ha fame, se vuole che Dio gradisca il suo digiuno. Abbia compassione, chi spera compassione... Quanto col disprezzo abbiamo perduto, conquistiamolo con il digiuno. Immoliamo le nostre anime col digiuno perché non c'è nulla di più gradito che possiamo offrire a Dio, come dimostra il profeta quando dice: "Sacrificio a Dio è uno spirito contrito; un cuore contrito e umiliato tu, o Dio, non disprezzi" (Sal 51,19). Uomo, offri a Dio la tua anima e offri l'oblazione del digiuno, purché sia pura l'ostia, santo il sacrificio, vivente la vittima, che implora in tuo favore. Ma perché tutto ciò sia accettato, sia accompagnato dalla misericordia. Il digiuno non germoglia se non è innaffiato dalla misericordia. Il digiuno inaridisce, se inaridisce la misericordia. Ciò che è la pioggia per la terra, è la misericordia per il digiuno. Quantunque ingentilisca il cuore, purifichi la carne, sradichi i vizi, semini le virtù, chi digiuna non coglie frutti se non farà scorrere fiumi di misericordia. Tu che digiuni, sappi che il tuo campo pure resterà digiuno se è privo di misericordia. Quello invece che tu avrai donato nella misericordia, ritornerà abbondantemente nel tuo granaio. Pertanto, uomo, perché tu non abbia a perdere col voler tenere per te, elargisci agli altri e allora raccoglierai. Dando al povero, dai a te sesso, perché ciò che non avrai donato agli altri, non lo avrai.    

« Ogni albero si riconosce dal suo frutto...

Close

C’è una cosa che ci assicurerà sempre il cielo, e sono proprio gli atti di carità e di generosità di cui avremo riempito le nostre esistenze. Sapremo mai quale bene può procurare un semplice sorriso? Proclamiamo quanto Dio accoglie, capisce, perdona. Ma ne siamo veramente la prova viva? Si vedono in noi, viventi, questa accoglienza, questa comprensione e questo perdono? Siamo sinceri nelle nostre relazioni gli uni con gli altri; abbiamo il coraggio...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

San Fermo
09 agosto, martedì, ore 11.00 Leggi

San Lorenzo
10 agosto, mercoledì, ore 21.00 Leggi