"Non intendete e non capite ancora?"

Sant'Anselmo d'Aosta (1033-1109), monaco, vescovo, dottore della Chiesa - Proslògion, c 16

febbraio 13 , 2018
Davvero, o Signore, è luce inaccessibile quella in cui tu abiti. Io non la vedo, perché è troppa per me, e tuttavia tutto quello che vedo, lo vedo per mezzo di essa: come l'occhio infermo, ciò che vede lo vede per mezzo della luce del sole, però non vede nel sole stesso. Il mio intelletto non può nulla rispetto ad essa. Splende troppo, non la comprende e l'occhio dell'anima mia non sopporta di guardare a lungo in essa. È abbagliato dallo splendore, è vinto dall'immensità, è confuso dalla grandezza. O luce somma e inaccessibile, o verità intera e beata, quanto sei lungi da me che ti sono tanto vicino! Quanto sei remota dal mio sguardo, mentre io sono così presente al tuo! Tu sei presente tutta dovunque e io non ti vedo. Mi muovo in te, sono in te e non posso raggiungerti. Sei dentro di me e attorno a me e non arrivo a 'coglierti'.    

\"Li rimproverò per la loro...

Close

Dove c'è abbondanza di segni e testimonianze, c'è meno merito a credere... Ecco perché Dio non fa opere meravigliose che quando esse sono assolutamente necessarie per far credere gli uomini. Per questo motivo e affinché i discepoli non fossero privi del merito della fede se avessero fatto essi stessi l'esperienza della sua resurrezione, ha disposto le cose perché credessero senza vederlo, prima di apparir loro. A Maria Maddalena...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Colletta Alimentare
26 novembre, sabato Leggi

Gruppo Manodopera
27 novembre, domenica Leggi

Harvey
03 dicembre 2022, sabato, ore 21:00 Leggi