«Non sono venuto per abolire la Legge, ma per darle compimento»

Catechismo della Chiesa cattolica - §1961-1967

marzo 22 , 2017
Dio, nostro Creatore e nostro Redentore, si è scelto Israele come suo popolo e gli ha rivelato la sua Legge, preparando in tal modo la venuta di Cristo... La Legge antica è il primo stadio della Legge rivelata. Le sue prescrizioni morali sono riassunte nei Dieci comandamenti. I precetti del Decalogo pongono i fondamenti della vocazione dell'uomo, creato ad immagine di Dio; vietano ciò che è contrario all'amore di Dio e del prossimo, e prescrivono ciò che gli è essenziale. Il Decalogo è una luce offerta alla coscienza di ogni uomo per manifestargli la chiamata e le vie di Dio, e difenderlo contro il male: « Dio ha scritto sulle tavole della Legge ciò che gli uomini non riuscivano a leggere nei loro cuori» (Sant'Agostino). Secondo la tradizione cristiana, la Legge santa, spirituale e buona, (Rm 7, 12-16) è ancora imperfetta. Come un pedagogo (Gal 3,24), essa indica ciò che si deve fare, ma da sé non dà la forza, la grazia dello Spirito per osservarla. A causa del peccato che non può togliere, essa rimane una legge di schiavitù... Essa è una preparazione al Vangelo. La nuova Legge o Legge evangelica è la perfezione quaggiù della legge divina, naturale e rivelata. E' opera di Cristo e trova la sua espressione particolarmente nel Discorso della montagna; è anche opera dello Spirito Santo e, per mezzo di lui, diventa la legge interiore della carità: « Io stipulerò con la casa d'Israele un'alleanza nuova... Porrò le mie leggi nella loro mente e le imprimerò nei loro cuori; sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo » (Eb 8, 8-10 ). La Legge nuova è la grazia dello Spirito Santo, data ai fedeli in virtù della fede in Cristo... Essa « dà compimento » alla Legge antica, la purifica, la supera e la porta alla perfezione. Nelle Beatitudini (Mt 5, 3s) essa compie le promesse divine, elevandole ed ordinandole al « Regno dei cieli ». Si rivolge a coloro che sono disposti ad accogliere con fede questa speranza nuova: i poveri, gli umili, gli afflitti, i puri di cuore, i perseguitati a causa di Cristo, tracciando in tal modo le sorprendenti vie del Regno.    

San Nicolò in Cazzola

Close

Le origini medioevali della chiesa di Cazzola sono ancora visibili nella struttura architettonica della parte absidale esterna, a conci regolari e con archetti ciechi a decoro della fascia terminale. Le prime testimonianze inerenti la presenza di un edificio sacro risalgono al 1230. La chiesa è infatti  ricordata tra le cappelle del pievato di Traversetolo nel Capitulum Decimarum Omnium Ecclesiarum del 1230. Ancora nelle decime del 1299 viene...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Corso Formazione Volontari
23 settembre, lunedì, ore 20.00 Leggi

Agenda del Vescovo : Messa con seminaristi
23 settembre 2019, lunedì ore: 19:00 Leggi

Agenda del Vescovo : Messa nella festa di S. Matteo
23 settembre 2019, lunedì ore: 11:00 Leggi

Medjugorje
dal 26 al 29 settemebre Leggi

Appuntamenti diocesani : Tenda della Parola...
26 settembre 2019, giovedì ore: 21:00 Leggi