Offriamo al Signore le nostre testimonianze d'amore

Santa Gertrude di Helfta (1256-1301), monaca bendettina - L'Araldo, Libro IV, SC 255

aprile 02 , 2020
Appena si leggeva nel vangelo: "Ora sappiamo che hai un demonio" (Gv 8,52), Gertrude, commossa fin nelle viscere dell'ingiuria fatta al suo Signore e non potendo sopportare che l'amato della sua anima fosse così immeritatamente oltraggiato, gli diceva queste parole di tenerezza col sentimento più profondo del suo cuore: "(...)Gesù amatissimo! Tu, mia suprema ed unica salvezza!" E il suo amante, che nella sua bontà voleva ricompensarla, come d'abitudine, in modo sovrabbondante, le prese il mento con la sua mano benedetta e si chinò verso di lei con tenerezza lasciando cadere nell'orecchio dell'anima con un sussurro infinitamente soave queste parole: "Io, tuo Creatore, tuo Redentore e tuo amante, attraverso le angoscie della morte, ti ho ricercata al prezzo di ogni mia beatitudine". (...) Sforziamoci dunque, con tutto l'ardore del cuore e dell'anima, di offrire al Signore testimonianze d'amore tutte le volte che sentiamo che gli viene fatta un'ingiuria. E se non possiamo farlo con lo stesso fervore, offriamogli almeno la volontà e il desiderio di questo fervore, il desiderio e l'amore di ogni creatura per Dio, ed abbiamo fiducia nella sua generosa bontà: non disprezzerà la modesta offerta dei suoi poveri, ma piuttosto, secondo le ricchezze della sua misericordia e della sua tenerezza, l'accetterà ricompensandola ben al di là dei nostri meriti.    

Liturgia delle Ore

Close

Il sito della parrocchia come strumento di preghiera: la Liturgia delle Ore

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Sulla misura del cuore di Cristo
28 maggio, giovedì, ore 20.45 Leggi

Veglia di Pentecoste
30 maggio, sabato Leggi

Solennità di Pentecoste
31 maggio, domenica, ore 11.00 Leggi

Incontri di formazione comune
03 giugno, mercoledì, ore 18.00 Leggi

Incontri di formazione comune
04 giugno, giovedì, ore 18.00 Leggi