"Perciò anche voi state pronti"

San Clemente d'Alessandria (150-ca 215), teologo - Il pedagogo, II, 9

agosto 30 , 2018
Nel sonno occorre esser pronti a risvegliarsi facilmente. Infatti la Scrittura dice: "Siate pronti, con la cintura ai fianchi e le lucerne accese; siate simili a coloro che aspettano il padrone quando torna dalle nozze, per aprirgli subito, appena arriva e bussa" (Lc 12,35-36). Poiché un uomo addormentato non serve più di un uomo morto. Ecco perché bisogna levarsi spesso durante la notte per benedire Dio. Beati quelli che vegliano per lui; si rendono simili agli angeli che chiamiamo "vedette". Un uomo addormentato non vale nulla, non più di un uomo senza vita. Ma colui che ha la luce è risvegliato e le tenebre non hanno presa su di lui, né il sonno, come le tenebre. E' svegliato da Dio, colui che è stato illuminato, e quest'uomo vive, poiché "In lui era la vita" (Gv 1,4). "Beato l'uomo che mi ascolta - dice la Sapienza - vegliando ogni giorno alle mie porte, per custodire attentamente la soglia" (Pr 8,34). "Non dormiamo dunque come gli altri, ma restiamo svegli e siamo sobrii", così dice la Scrittura. "Quelli che dormono, infatti, dormono di notte; e quelli che si ubriacano, sono ubriachi di notte", cioé nell'oscurità dell'ignoranza. "Noi invece, che siamo del giorno, dobbiamo essere sobrii" (1Tes 5,,6-8). "Voi tutti infatti siete figli della luce e figli del giorno; noi non siamo della notte, né delle tenebre" (1Tes 5,5).    

Comunità in cammino

Close

Hai perso un numero del giornalino parrocchiale? Vuoi rileggere un articolo? Tutti le uscite disponibili per il download!

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi

Visita alle Famiglie
Mercoledì 15 Leggi

Visita alle Famiglie
Mercoledì 15 Leggi

Visita alle Famiglie
Venerdì 17 Leggi