Preghiera in Famiglia

III Domenica di Pasqua

aprile 25 , 2020

Nel luogo della preghiera si prepara una candela o una lampada accesa, un crocifisso o un’icona e la Bibbia aperta.
La preghiera può essere guidata dal papà o dalla mamma.

G. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
R. Amen.
G. Questo è il giorno che ha fatto il Signore!
R. Rallegriamoci in esso ed esultiamo. Alleluia!
G. Terza Domenica di Pasqua. L’evangelista Luca colloca l’incontro di Gesù risorto con i due discepoli di Emmaus ancora nel primo giorno dopo il sabato, “in quello stesso giorno”. Anche i due – come Tommaso domenica scorsa - sono pieni di resistenze: rimpianti, dubbi, scoraggiamento. E si stanno staccando da tutto, da Gerusalemme, dagli amici di Gesù, dai luoghi che ricordano troppo da vicino il fallimento di quell’uomo in cui speravano tanto … In questi giorni nella nostra vita si sono aperti dei vuoti: vuoti di amicizia, vuoti di bene, vuoti di vita con gli altri. E allora ci domandiamo: come possiamo colmare queste voragini? Da soli è impossibile. Solo Dio può colmare il senso di vuoto che il male apre nei nostri cuori e nella nostra storia. Solo Gesù, fatto uomo e morto sulla croce, può colmare l’abisso del dolore con l’abisso della sua misericordia.
E si fa riconoscere, prima spiegando le Scritture, poi nel gesto dello spezzare il pane. Ecco riassunta quella che noi chiamiamo “la Messa”: Parola e Pane. Prima lo Spirito di Gesù ci riscalda il cuore con la sua Parola, poi ci apre gli occhi a riconoscerlo nel gesto dell’ultima cena e di altre pagine evangeliche: lo spezzare il pane perché venga condiviso e nutra il mondo affamato di cibo e di amore..

Preghiamo ora con il Salmo 15, salmo di abbandono nelle mani di Dio anche nel momento della sofferenza grande e della morte stessa. È un salmo che Gesù ha vissuto intimamente: Dio non l’ha abbandonato “negli inferi”, ma lo ha risuscitato sul sentiero della vita.
T. Resta con noi, Signore.

L1. Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.
Ho detto al Signore: «Il mio Signore sei tu»
Il Signore è mia parte di eredità e mio calice
Nelle tue mani è la mia vita. R.

L2. Benedico il Signore che mi ha dato consiglio;
anche di notte il mio animo mi istruisce.
Io pongo sempre davanti a me il Signore,
sta alla mia destra, non potrò vacillare. R.

L3. Per questo gioisce il mio cuore
ed esulta la mia anima;
anche il mio corpo riposa al sicuro,
perché non abbandonerai la mia vita negli inferi,
né lascerai che il tuo fedele veda la fossa. R.

L4. Mi indicherai il sentiero della vita,
gioia piena nella tua presenza,
dolcezza senza fine alla tua destra. R..

G. Dio nostro Padre, che nella tua grande misericordia ci hai rigenerati a una speranza viva per mezzo della risurrezione del tuo Figlio, accresci in noi, sulla testimonianza degli apostoli, la fede pasquale, perché aderendo a lui pur senza averlo visto riceviamo il frutto della vita da risorti.
T. Amen. .

LA TUA PAROLA, LUCE AI MIEI PASSI
Si può acclamare al Vangelo con il canto dell’alleluia, secondo una melodia conosciuta. Dal Vangelo secondo Luca (20,13-35)

13Ed ecco, in quello stesso giorno due di loro erano in cammino per un villaggio di nome Èmmaus, distante circa undici chilometri da Gerusalemme, 14e conversavano tra loro di tutto quello che era accaduto. 15Mentre conversavano e discutevano insieme, Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro. 16Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo. 17Ed egli disse loro: «Che cosa sono questi discorsi che state facendo tra voi lungo il cammino?». Si fermarono, col volto triste; 18uno di loro, di nome Clèopa, gli rispose: «Solo tu sei forestiero a Gerusalemme! Non sai ciò che vi è accaduto in questi giorni?». 19Domandò loro: «Che cosa?». Gli risposero: «Ciò che riguarda Gesù, il Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo; 20come i capi dei sacerdoti e le nostre autorità lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e lo hanno crocifisso. 21Noi speravamo che egli fosse colui che avrebbe liberato Israele; con tutto ciò, sono passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. 22Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; si sono recate al mattino alla tomba 23e, non avendo trovato il suo corpo, sono venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. 24Alcuni dei nostri sono andati alla tomba e hanno trovato come avevano detto le donne, ma lui non l’hanno visto». 25Disse loro: «Stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti! 26Non bisognava che il Cristo patisse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». 27E, cominciando da Mosé e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui. 28Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. 29Ma essi insistettero: «Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto». Egli entrò per rimanere con loro. 30Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. 31Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista. 32Ed essi dissero l’un l’altro: «Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?». 33Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, 34i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone!». 35Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane. Parola del Signore.
R. Lode a te, o Cristo. .

A TE SALE LA NOSTRA PREGHIERA
G. Resta con noi perché si fa sera! Con i discepoli di Emmaus, dopo aver ascoltato il Signore che ci ha scaldato il cuore, affidiamoci a lui perché ci apra gli occhi della fede e ci sospinga verso gli altri fratelli per testimoniare a tutti che la vita vince la morte.

L. Signore Gesù, tu sei vivo in mezzo a noi,
T. fa che non siamo più increduli, ma credenti..

L. Signore Gesù, tu cammini con noi e ci apri la mente a comprendere le Scritture
T. la tua Parola rinnovi la nostra vita con la speranza di un nuovo inizio..

L. Signore Gesù, le tue mani che spezzano il pane ci aprono occhi e cuore,
T. fa’ che ti riconosciamo vivo e presente nei tuoi sacramenti..

L. Signore Gesù, non ti vediamo con gli occhi, ma tu ci doni il tuo Spirito:
T. aiutaci a vincere le nostre paure e a uscire dalle nostre chiusure..

L. Signore Gesù, tu sei risorto e incontri ciascuno a suo modo,
T. guarda con amore la nostra famiglia e ognuno di noi..

L. Signore Gesù, tu continui a camminare sulle strade del mondo
T. rendici famiglia capace di annunciare, con la nostra vita, la buona notizia..

G. Con fede facciamo nostra la preghiera di Gesù e lasciamoci scaldare il cuore oggi e sempre, in ogni nostra fragilità e debolezza, dallo Spirito del Padre:
T. Padre nostro
G. Signore risorto,
tu hai compassione delle tue creature,
tu desideri accompagnare il cammino triste della nostra vita
e ci raggiungi nelle nostre fragilità.
La tua parola ci scalda il cuore, il tuo gesto di amore ci apre gli occhi, il tuo Spirito ci sospinge a far conoscere a tutti che sei vivo e che dai speranza e salvezza a chiunque si rivolge a te.
Fa’ che non ci lasciamo schiacciare da distanze e incomprensioni, non lasciare che si spenga in noi il desiderio di stare insieme a te e fra noi in modo nuovo. T. Amen..

Ci si scambia un abbraccio di fraternità e di pace..

INVOCHIAMO LA BENEDIZIONE DEL PADRE
G. Dio nostro Padre, tu che fai germogliare la vita anche dai sepolcri ormai chiusi.
T. Ricolmaci della tua benedizione..

G. Gesù, Figlio del Padre, crocifisso, risorto e vivente.
T. Ricolmaci della tua benedizione..

G. Spirito Santo, alito di vita, che sei sempre con noi.
T. Ricolmaci della tua benedizione.

Ciascuno traccia su di sé segno di croce mentre chi guida la preghiera prosegue.
G. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
T. Amen..

Si conclude con l’antifona mariana del Tempo di Pasqua.

T. Regina del cielo, rallegrati, alleluia.
Cristo che hai portato nel grembo, alleluia,
è risorto, come aveva promesso, alleluia.
Prega il Signore per noi, alleluia.

Liturgia delle Ore

Close

Il sito della parrocchia come strumento di preghiera: la Liturgia delle Ore

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di giugno
27, 29 e 30 giugno Leggi

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi