“Prendi parte alla gioia del tuo padrone”

Giuliana di Norwich (tra 1342-1430 cc), reclusa inglese - Le Rivelazioni del Divino Amore, cap. 14

agosto 28 , 2021
Nostro Signore mi ha detto: “Ti ringrazio per il tuo lavoro soprattutto nel tempo della tua gioventù”. La mia capacità di comprensione è stata elevata fino al cielo ed ho visto nostro Signore come un padrone nella sua casa che aveva invitato ad un banchetto solenne tutti i suoi più cari amici e servitori. Ho visto che non occupava alcun posto particolare nella sua casa; dovunque vi regnava come re. La riempiva di gioia e allegria, e non smetteva di rallegrare e consolare i suoi cari amici, in tutta intimità e cortesia, con una meravigliosa melodia di amore perpetuo che emanava dal suo bel volto beato. Volto glorioso della divinità che riempie i cieli di gioia e allegria. Dio mi ha mostrato tre gradi di beatitudine in cielo per ogni anima che l’avrà servito volentieri in qualche modo sulla terra. Il primo: la gratitudine di gloria che ella riceverà dal nostro Signore Iddio quando sarà liberata dalle sue pene. Questa gratitudine è così grande e gloriosa che ella si sentirà colmata, come se non esistesse altra beatitudine. Poiché a mio sentire tutte le pene e le fatiche di tutti gli uomini sarebbero ancora insufficienti a meritare la gratitudine che uno solo riceverà per aver servito Dio con buona volontà. Il secondo : tutte le creature benedette che popolano il cielo vedranno questa gloriosa gratitudine, poiché a tutte fa conoscere i servizi che gli sono stati resi… Quando un re ringrazia i suoi sudditi, rende loro un grande onore, ma se lo fa sapere a tutto il regno, l’onore è molto più grande. Il terzo: questa gratitudine sarà sempre nuova e fonte di gioia nell’eternità come al momento in cui l’anima la riceverà. Mi è stata rivelata con grande semplicità e dolcezza che l’età di ognuno sarà conosciuta in cielo. Ognuno sarà ricompensato per le opere che avrà fatte e per la loro durata. In modo tutto particolare coloro che, volentieri e liberamente, avranno offerto a Dio la loro gioventù saranno ricompensati senza misura e ringraziati in modo meraviglioso.     

Come si può amare un paese?

Close

Ci possono essere tante risposte: ci si è nati, vissuti, si è trovato lavoro, offre opportunità, dà tranquillità, si respira aria buona … insomma tante potrebbero essere le motivazioni per cui dire “io a Traversetolo ci sto bene”. Ma tutto questo non vuol dire amarlo. L’amore per un paese non ha motivazioni precise, si ama semplicemente perché si amano la vita, le persone, le case, le strade, il suono delle campane, la...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi