"Quanto più il Padre vostro celeste darà lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono!"

Simeone il Nuovo Teologo (ca 949-1022), monaco greco - Inni, n. 29 (SC 174, p. 315ss)

ottobre 12 , 2017
Da dove vieni? Come fai a entrare, voglio dire, all'interno della mia cella, chiusa da ogni parte? E' strana questa cosa, supera parola e pensiero. Ma che tu venga a me, all'improvviso interamente e che tu risplenda, che ti lasci vedere sotto forma luminosa, come la luna in piena luce, ciò mi lascia senza pensiero e senza voce, mio Dio! So bene che sei colui che è venuto per illuminare coloro che sono nelle tenebre (Lc 1,79), e sono stupito, resto privo di sensi e di parole, a vedere una strana meraviglia che supera tutta la creazione, tutta la natura e tutte le parole... Com'è possibile che Dio che è fuori dell'universo per essenza e natura, per potenza e gloria, com'è che è anche dovunque e in tutti, e in maniera speciale nei santi? Come stabilisce in essi la sua tenda in modo cosciente e sostanziale, lui che è al di là della sostanza? Com'è contenuto nelle loro viscere, lui che contiene tutta la creazione? Come risplende nel loro cuore, questo cuore di carne densa? Com'è all'interno di quest'uomo, e com'è al di fuori di tutto, e riempie lui stesso ogni cosa? Come, sia la notte che il giorno, risplende senza esser visto? Dimmi, lo spirito umano comprenderà tutti questi misteri o potrà esprimerli? Certo no! Né un angelo potrebbe spiegartelo, né un arcangelo; sarebbero incapaci di esporteli a parole. E' lo Spirito di Dio, perché è divino, che solo conosce questi misteri e che li sa perché lui solo condivide la natura, il trono e l'eternità col Figlio e il Padre. E' dunque a coloro per cui lo Spirito splenderà e a chi liberamente sarà unito che egli mostra tutto in modo ineffabile... E' come un cieco: se vede, vede dapprima la luce e dopo anche tutta la creazione che è nella luce, che meraviglia! Lo stesso, chi è stato illuminato dallo Spirito divino nell'anima, entra subito in comunione con la luce e contempla la luce, la luce di Dio, Dio veramente, che gli mostra anche tutto, o piuttosto tutto quanto Dio decide, tutto ciò che egli desidera e ciò che egli vuole. A coloro che illuminerà con la sua luce accorda di vedere quanto si trova nella luce divina.    

San Giuseppe, custode fedele dei misteri della...

Close

Quando la condiscendenza divina sceglie qualcuno per una grazia singolare o per uno stato sublime, concede alla persona così scelta tutti i carismi che le sono necessari per il suo ufficio. Naturalmente essi portano anche onore al prescelto. Ecco quanto si è avverato soprattutto nel grande san Giuseppe, padre putativo del Signore Gesù Cristo e vero sposo della regina del mondo e signora degli angeli. Egli fu scelto dall'eterno Padre come fedele custode e...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi

Visita alle Famiglie
Mercoledì 15 Leggi

Visita alle Famiglie
Mercoledì 15 Leggi

Visita alle Famiglie
Venerdì 17 Leggi